strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

Una tenda tra i cardi


Dal Vangelo secondo Giovanni

Gv 1,43-51


In quel tempo, Gesù volle partire per la Galilea; trovò Filippo e gli disse: «Seguimi!». Filippo era di Betsàida, la città di Andrea e di Pietro. Filippo trovò Natanaèle e gli disse: «Abbiamo trovato colui del quale hanno scritto Mosè, nella Legge, e i Profeti: Gesù, il figlio di Giuseppe, di Nàzaret». Natanaèle gli disse: «Da Nàzaret può venire qualcosa di buono?». Filippo gli rispose: «Vieni e vedi». Gesù intanto, visto Natanaèle che gli veniva incontro, disse di lui: «Ecco davvero un Israelita in cui non c'è falsità». Natanaèle gli domandò: «Come mi conosci?». Gli rispose Gesù: «Prima che Filippo ti chiamasse, io ti ho visto quando eri sotto l'albero di fichi». Gli replicò Natanaèle: «Rabbì, tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re d'Israele!». Gli rispose Gesù: «Perché ti ho detto che ti avevo visto sotto l'albero di fichi, tu credi? Vedrai cose più grandi di queste!». Poi gli disse: «In verità, in verità io vi dico: vedrete il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sopra il Figlio dell'uomo».

 

Dopo l’incontro con i due discepoli di Giovanni, Gesù intercetta Filippo in una località non precisata forse appositamente perché l'esperienza di Filippo è quella di ognuno di noi, lì dove siamo, nel tempo e nel luogo in cui la nostra vocazione prende forma.

“Seguimi!” – gli dice Gesù. Non una parola in più, ma sufficiente per suscitare la sua adesione. Un sì che diventa subito testimonianza e annuncio coinvolgendo Natanaele. Filippo lo “trovò e gli disse: «Abbiamo trovato colui del quale hanno scritto Mosè, nella Legge, e i Profeti: Gesù, il figlio di Giuseppe, di Nàzaret»”.


Personaggio interessante Natanaele: scettico ma integro e profondamente leale. I salmi lo ascriverebbero tra coloro che hanno “mani innocenti e cuore puro” (Sal 24,4) e “nel cui spirito non c’è inganno” (Sal 32,2). Soprattutto è un uomo aperto alle novità di Dio, legato sì alle proprie convinzioni ma non ingessato. Anzi, direi pronto a mettersi in discussione, ad andare oltre ciò che sa e ciò che è, senza preclusioni.

A lui Gesù dice: “io ti ho visto quando eri sotto l'albero di fichi”. Un’espressione enigmatica, probabilmente un’allusione all’immagine usata dal profeta Osea per indicare Israele. Il popolo dell’alleanza paragonato a un fico, crescendo rigoglioso avrebbe dato frutto, se non fosse stato poi che, tradite le attese, si era prostituito miseramente agli idoli: “hai praticato la prostituzione e la tua radice è inaridita” (Os 9,1.16).


Natanaele invece sotto il fico è il frutto atteso e desiderato. È rimasto fedele all’alleanza e ora è pronto a ricevere la rivelazione del Messia.


Quanto è vero! Solo se il cuore è puro e se la mente è aperta riconosciamo Gesù. Se invece ci lasciamo andare su strade di adulterio e corruzione i nostri occhi non sono in grado di vedere e il cuore non è più capace di amare, come lascia intendere ancora Osea: “I loro tesori d'argento passeranno alle ortiche e nelle loro tende cresceranno i cardi” (Os 9,6). Ecco: la tenda, cioè il cuore, la vita rimane come soffocata dai cardi e ciò che in essa è prezioso sembra essere gettato irreparabilmente tra le ortiche infestanti. E tutto lascia presagire una triste carestia. Carestia di quei beni che solo Dio ci può dare e a cui talvolta superficialmente rinunciamo divenendo “grembo infecondo e seno arido” (Os 9,14).


Eppure c’è tanto da perdere in questa rinuncia volontaria all’amore del Signore: cose grandi, anzi cose ancora più grandi di quelle che possiamo immaginare, addirittura la visione stessa dei cieli che si aprono e degli angeli di Dio che salgono e scendono sopra il Figlio dell’uomo.

In una parola, la gloria di Dio. E nella sua anche la nostra.

202 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

"Immacolata"