strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

Una luce sulla mia strada



Dal Vangelo secondo Luca

Lc 8,19-21

In quel tempo, andarono da Gesù la madre e i suoi fratelli, ma non potevano avvicinarlo a causa della folla.

Gli fecero sapere: «Tua madre e i tuoi fratelli stanno fuori e desiderano vederti».

Ma egli rispose loro: «Mia madre e miei fratelli sono questi: coloro che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica».

 

Ieri nel Vangelo Gesù ci aveva esortati a fare discernimento sull’«ascolto»: “Fate attenzione a come ascoltate!” (Lc 8,18), “Fate anche attenzione a cosa ascoltate” (Mc 4,24). Come ascoltate, cioè con quale disposizione interiore. “Cosa ascoltate”, che vuole dire: c’è la parola di Dio e ci sono le parole degli uomini. La parola di Dio si accoglie con docilità, senza filtri, le “altre” parole vanno vagliate perché sono in qualche modo relative; a volte vanno addirittura scartate perché false, inconsistenti.


Oggi Gesù rafforza ulteriormente questa sua esortazione e la amplia. Due verbi fanno da perno: akoúein e poiéin. Il primo, che noi traduciamo semplicemente con «ascoltare», insiste sull’aderire e l’obbedire. Il secondo, “mettere in pratica”, in greco suona così: “fare la Parola”.


Aderire/obbedire e fare la Parola è molto, molto più di un semplice ascolto. È la nostra vita, che si mette in gioco per Cristo.

Il Vangelo non è né può essere ridotto a una nobile teoria, a un fervorino attorno a cui fare un girotondo di tanti bei propositi da esporre nella vetrina del nostro orgoglio spirituale.


Il Vangelo ci propone una scelta, un’azione concreta, e non può dunque che essere un impegno esigente, quotidiano, che rende davvero “madri” di Gesù. Madri nello stile di Maria, che il Figlio chiama beata perché è tra coloro che ascoltano la parola di Dio e la osservano (Lc 11,27-28).


Mi chiedo: ma quante volte abbiamo sentito e detto queste cose?


Eppure se siamo ancora qui a discuterne, se ancora ci trasciniamo svogliati e spenti tra i rovi dei nostri mancati sì, è perché la Parola non ci scalfisce davvero e non ci riempie il cuore.

Forse per un attimo, per un tempo limitato, ci lasciamo anche coinvolgere, la percepiamo per quello che è, fonte di vita, lampada per i nostri passi, luce sul nostro cammino (cfr. Sal 118), ma purtroppo è solo un entusiasmo momentaneo, che si sgretola al sopraggiungere di un altro interesse, di un altro amore che lì per lì ci affascina di più e ci seduce.

E così passiamo, tiepidi e sbiaditi, da una pagina all’altra della nostra vita con una sorta di superficiale disinvoltura, magari continuando a sentire e a dire – e questa, amici miei, è ipocrisia vestita a festa! – che "la parola di Dio è viva, efficace e più tagliente di ogni spada a doppio taglio; essa penetra fino al punto di divisione dell’anima e dello spirito, delle giunture e delle midolla e scruta i sentimenti e i pensieri del cuore" (Eb 4,12).


Quando metteremo davvero radici in questa Parola, liberi e con cuore indiviso?

«La fede non è una bandiera da portarsi in gloria. È, invece, una candela accesa che si porta in mano tra pioggia e vento in una notte d’inverno» (Natalia Ginzburg).

Quando lasceremo che sia il Signore la nostra luce, anche nei giorni di pioggia e di vento, d’inverno e di buio?

225 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Venite a me