strisciablog.jpg
Cerca
  • Comunità dell'Eremo

“Un luogo e un tempo per pregare”



Dal Vangelo secondo Luca

Lc 11,1-4

Gesù si trovava in un luogo a pregare; quando ebbe finito, uno dei suoi discepoli gli disse: «Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli».

Ed egli disse loro: «Quando pregate, dite:

Padre,

sia santificato il tuo nome,

venga il tuo regno;

dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano,

e perdona a noi i nostri peccati,

anche noi infatti perdoniamo a ogni nostro debitore,

e non abbandonarci alla tentazione».

Confesso che mi sento sempre un po’ impacciata a parlar di “preghiera”. Di solito cerco riferimenti solidi nell’esperienza dei mistici - uomini e donne temprati da Dio - che lungo i secoli hanno consumato fiumi d’inchiostro per aprirci una feritoia su questo mistero.

E lì mi fermo, con stupore e timore, dicendo: “Che bello!”.

Credo che lo stupore più volte abbia sorpreso anche i discepoli alla vista di Gesù che, appartato e assorto, “si trovava in un luogo a pregare”, come riferisce ripetutamente l’evangelista Luca nel suo vangelo.


Proprio su questo oggi vorrei riflettere con voi.

Luca c’indirizza verso “un luogo” che non ha coordinate geografiche ed è senza nome. Se sei stato in Palestina, puoi immaginarne i colori, ma per il resto lo spazio in cui Gesù prega rimane indefinito, quasi a voler facilitare la comprensione di un passaggio difficile. Questo luogo è sì uno spazio fisico, ma intuisci anche che è soprattutto uno spazio spirituale. Ed è lì che ci dobbiamo trovare, se davvero vogliamo imparare a pregare.


Questo luogo è il cuore. Ma qui non evoca la nostra vita affettiva. Va oltre ogni emozione ed è, biblicamente, lo spazio in cui la nostra personalità, libera, intelligente, capace di decidere e di scegliere, incontra Dio e si lascia guardare da Lui.

E ancora dico: “Che bello!”.


Ora, ed è forse per noi la nota dolente, Gesù “si trovava” lì. L’imperfetto di questo verbo è un pungolo: stimola e ferisce! Dice un tempo lungo, continuato e ci costringe a misurarci con i tempi striminziti e occasionali che dedichiamo alla preghiera.


La preghiera non può essere solo uno scampolo di tempo riservato a Dio, sbiadito dalla fretta e dalle distrazioni. Andando sempre di corsa, con il fiato corto, stanchi e svogliati, non possiamo custodire lo slancio del cuore né gettare un sguardo verso Colui che, al contrario, mai distoglie i suoi occhi da noi.

E come possiamo orientare correttamente il cuore se abbiamo smarrito la bussola della Sua Parola, trascurandone l’ascolto o cedendo alla sciatta abitudine di leggerla con superficialità?

Quanto è necessario, dunque, un luogo e un tempo per pregare!


E “quando pregate, dite…”

Ecco, infine, ‘la dima’ di ogni preghiera: “Abbà, Padre!”, un’invocazione che distilla l’amore di Dio e travasa la fiducia dei figli.

Attenzione, però! Qualunque cosa diciamo in preghiera, facciamo sì che la voce si accordi al cuore e la mente si elevi altrimenti, dicessimo pure il “Padre Nostro” ad oltranza, sarebbe solo un grido muto e irriconoscente che rimane a mezz’aria, tra illusione e mediocrità.

“Signore, insegnaci a pregare!”. E pregando, a vivere.

267 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

LA PAROLA DEL GIORNO

leggi | ascolta | rifletti | prega

icona-whatsapp-300x300.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nel gruppo "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link. Nota: per rendere più agevole e discreto il servizio, non è prevista la possibilità di chattare con i membri del gruppo. Iscriviti solo se sei davvero interessato/a al commento della Parola.

Il tuo modulo è stato inviato!