strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

Un Angelo per condurti alla vita



FESTA DEI SANTI ARCANGELI MICHELE, GABRIELE E RAFFAELE


Dal Vangelo secondo Giovanni

Gv 1,47-51

In quel tempo, Gesù, visto Natanaèle che gli veniva incontro, disse di lui: «Ecco davvero un Israelita in cui non c’è falsità». Natanaèle gli domandò: «Come mi conosci?». Gli rispose Gesù: «Prima che Filippo ti chiamasse, io ti ho visto quando eri sotto l’albero di fichi». Gli replicò Natanaèle: «Rabbì, tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re d’Israele!». Gli rispose Gesù: «Perché ti ho detto che ti avevo visto sotto l’albero di fichi, tu credi? Vedrai cose più grandi di queste!».

Poi gli disse: «In verità, in verità io vi dico: vedrete il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sopra il Figlio dell’uomo».

 

Un Angelo ti sta a fianco, "protettore e pastore, per condurti alla vita" (San Basilio Magno).

Non è una favola per bambini. Ma dei bambini bisogna avere il cuore per crederci e occhi limpidi per ‘vedere’: voi li vedrete salire e scendere sopra il Figlio dell'uomo, dice Gesù, rispolverando il sogno di Giacobbe: "una scala poggiava sulla terra, mentre la sua cima raggiungeva il cielo; ed ecco, gli angeli di Dio salivano e scendevano su di essa" (Gen 28, 10-12).

Di scale ce ne sono tante! Molte anche improvvisate, sgangherate. Soprattutto poco sicure. Le pubblicizzano come promettenti ascese verso il successo. Ti promettono gloria e potere fino a farti girare la testa solo al pensiero che questa sia l’occasione della vita, quella che aspettavi da sempre, di quelle che capitano una volta sola e che devi afferrare senza farti tanti scrupoli. Ma salirci è come svendersi sui marciapiedi della vita per una gratificazione che lascia incredibilmente vuoto il cuore.


Salire e scendere, un piolo dopo l'altro, tra terra e cielo, è tutta un'altra cosa.

È tutta un'altra cosa se Cristo è la scala e tu, come gli Angeli, punti alla cima per riempirti di Dio e poi t'affretti a calarti giù, con i piedi per terra, nella vita che vivi, per amare e servire.

Ma non lasciarti sfuggire un dettaglio: nell'uso delle scale ci sono “misure generali di sicurezza” che non si possono eludere. Così anche nel nostro salire e scendere “sopra il Figlio dell’uomo”. Devi coltivare un cuore puro, se vuoi salire spedito. E nella discesa, sii onesta/o, abbi sete di giustizia, coltiva mitezza e misericordia, perché mai venga meno la tenacia nel percorrere le vie della pace.

Faticherai? Certo, ma salire e scendere, al di là della fatica, è un principio attivo che reca benessere. E qui parliamo di “spirito”, soprattutto.

Gesù direbbe: “Beati voi” se salite e scendete attraverso di me. Beati, se non vi fermerete esitanti al primo gradino.


Che fare, dunque?

Guarda verso l’alto, sempre.

Desidera il Cielo e custodisci la terra: è tempo che tu sia veramente felice!

343 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

"Immacolata"