strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

Se non tocco con mano...


Dal Vangelo secondo Giovanni

Gv 20,19-31

La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore.

Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati».

Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo».

Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!».

Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome.

 

“Ritornerò da voi” – aveva assicurato Gesù ai discepoli e così avviene, “mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano”, ossia facendo breccia sulla loro paura. A loro mostra le ferite delle mani e del costato, i segni della passione, perché sia chiaro l’annuncio: «Io ero morto ma ora vivo per sempre» (Ap 1,17).


«Tommaso, però, non era con loro quando venne Gesù» (v. 24). I suoi occhi non lo hanno visto e il suo cuore non ha gioito “al vedere il Signore”. Ecco perché l’affermazione esultante dei discepoli: “Abbiamo visto di persona il Signore”, non lo convince.


Per otto giorni si macera nell’incredulità (o per lo meno nel dubbio). All’ottavo giorno però, anticipazione del giorno del Signore e simbolo della rinascita battesimale, finalmente torna a casa, accettando umilmente di stare in mezzo agli altri, smettendo di fuggire anche da se stesso.

Si era isolato per un momento, ma ora è lì, pur patendo nella sacca di una povertà fatta di sfiducia, scetticismo e diffidenza.

Sì, continua a non capire, a non credere, ma ora, ripeto, è “in casa”, con i fratelli, con la comunità, e con gli altri condivide il suo dissidio interiore.

Dentro certamente qualcosa comincia a sciogliersi.

E si scioglierà del tutto quando Gesù, ancora una volta, “venne, a porte chiuse e stette in mezzo”, aprendosi un varco anche nel cuore di Tommaso.


A lui, così recalcitrante, non mostra semplicemente mani e fianco, ma con condiscendenza dice: «Metti qui il tuo dito…, tendi la tua mano e mettila nel mio fianco”. Non era questo che, in fondo, avrebbe voluto fare Tommaso quando aveva detto: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo»?


Ora notate: l’evangelista Giovanni non ci dice se Tommaso alla fine abbia toccato le cicatrici di Gesù. E non a caso, perché la sfida che ci rende autenticamente credenti e beati è quella di credere senza vedere. Meglio, credere vedendo i segni della presenza di Dio nel mondo attraverso quell’intuizione del cuore che è dono di Spirito Santo. Dono di Spirito Santo che s’intreccia con il nostro carattere.



QUALCHE PROVOCAZIONE PER NOI


Scriveva il card. Martini: «non è facile vedere i segni della presenza di Dio nel mondo: alcuni li vedono prima, e sono forse i tipi affettivi; poi ci arrivano gli intuitivi, poi le persone lente e solide; ma ci sono anche gli scettici, che arrivano ultimi, ma che pure possono anch’essi arrivare. Nessuno è escluso, purché si abbia una serietà e una buona volontà di fondo».


  • Chiediamoci allora: come vivo la fatica del credere? Sono un tipo affettivo, immediato, oppure sono un intuitivo? Mi percepisco lento ma solido o mi ritengo piuttosto un tipo scettico, refrattario, che crede solo a ciò che tocca e vede?

Gesù si rivela a suo modo e a suo tempo rispettando i modi e i tempi di ognuno. A una condizione: che non ci si stacchi dalla comunità, che si rimanga “in casa”, intimi e familiari, pur nella diversità del sentire e del credere.


  • Chiediamoci: nello stare con gli altri tendo ad irrigidirmi? Applico lo stile di tenace pazienza e delicato rispetto, insegnatomi da Gesù, nel tessere le mie relazioni oppure trasbordo in atteggiamenti di intolleranza impositiva? E se mi percepisco diversa/o nel modo di pensare, come reagisco: fuggo via o rimango “in casa”, con gli altri, in una comunione che va ben oltre le differenze?



205 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Venite a me