strisciablog.jpg
Cerca
  • Comunità dell'Eremo

"Stammi a sentire!"

Dal Vangelo secondo Luca

Lc 10,13-16


In quel tempo, Gesù disse:

«Guai a te, Corazìn, guai a te, Betsàida! Perché, se a Tiro e a Sidòne fossero avvenuti i prodigi che avvennero in mezzo a voi, già da tempo, vestite di sacco e cosparse di cenere, si sarebbero convertite. Ebbene, nel giudizio, Tiro e Sidòne saranno trattate meno duramente di voi.

E tu, Cafàrnao, sarai forse innalzata fino al cielo? Fino agli inferi precipiterai!

Chi ascolta voi ascolta me, chi disprezza voi disprezza me. E chi disprezza me, disprezza colui che mi ha mandato».

Quand’ero bambina mia madre ogni tanto sbuffando mi diceva proprio così: “Guai a te!”. Ed era una avvisaglia minacciosa per rimettermi in riga, spesso l’anticipazione verbale di un piccolo castigo.

Nel Vangelo di Luca, Gesù lo ripete per ben 14 volte, ma non è un lanciafiamme di minacce e castighi per farci paura. Intende dire piuttosto: “Mi dispiace per te!”. Lo fa per metterti in guardia dalle possibili conseguenze delle tue scelte sbagliate e soprattutto per farti capire a cosa stai rinunciando. Insomma, “non sai che ti perdi!”.


Chi ama visceralmente – un padre, una madre, un amico, un educatore – questo ti dice: “Apri gli occhi!”. Talvolta dovrà farlo con severità e crudo realismo perché la posta in gioco è altissima, ma chi ama interviene e parla per curare e costruire, non per mortificare la tua fragilità e giudicare le tue inconsistenze.


Apri gli occhi, dunque, e guarda i prodigi! La conversione parte da qui, dal ‘vedere’ finalmente quanto di buono e di bello Dio ha fatto per noi ed è l’esatto contrario della chiusura ostinata, indifferente alla fede.


Indossa, poi, un vestito di sacco e cospargiti di cenere che, nel linguaggio biblico, significa pentimento sincero, “sana tensione tra una dignitosa vergogna e una dignità che sa vergognarsi” (Papa Francesco). Non che Dio desideri umiliarti gettandoti nella polvere vestito di stracci. Al contrario, Suo desiderio è sfilarti la veste di sacco perché tu possa indossare “il vestito più bello”, tessuto di misericordia e pentimento sincero, come quello tenuto in serbo dal padre nella parabola del figlio perduto e poi ritrovato.


E, infine, ascolta. La conversione, ben più di una buona prestazione sotto sforzo, è desiderio di riconnettersi con Lui, capacità di fare autocritica attorno al fuoco della Sua Parola, fugato l’orgoglio e la presunzione di bastare a noi stessi.

E questo è ciò che t’innalza, nella dignità ritrovata di essere figlio!


114 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

LA PAROLA DEL GIORNO

leggi | ascolta | rifletti | prega

icona-whatsapp-300x300.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nel gruppo "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link. Nota: per rendere più agevole e discreto il servizio, non è prevista la possibilità di chattare con i membri del gruppo. Iscriviti solo se sei davvero interessato/a al commento della Parola.

Il tuo modulo è stato inviato!