strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

"Dio ha sorriso"


Dal Vangelo secondo Giovanni

Gv 8,51-59

In quel tempo, Gesù disse ai Giudei: «In verità, in verità io vi dico: se uno osserva la mia parola, non vedrà la morte in eterno». Gli dissero allora i Giudei: «Ora sappiamo che sei indemoniato. Abramo è morto, come anche i profeti, e tu dici: "Se uno osserva la mia parola, non sperimenterà la morte in eterno''. Sei tu più grande del nostro padre Abramo, che è morto? Anche i profeti sono morti. Chi credi di essere?».

Rispose Gesù: «Se io glorificassi me stesso, la mia gloria sarebbe nulla. Chi mi glorifica è il Padre mio, del quale voi dite: ''È nostro Dio!'', e non lo conoscete. Io invece lo conosco. Se dicessi che non lo conosco, sarei come voi: un mentitore. Ma io lo conosco e osservo la sua parola. Abramo, vostro padre, esultò nella speranza di vedere il mio giorno; lo vide e fu pieno di gioia».

Allora i Giudei gli dissero: «Non hai ancora cinquant'anni e hai visto Abramo?». Rispose loro Gesù: «In verità, in verità io vi dico: prima che Abramo fosse, Io Sono».

Allora raccolsero delle pietre per gettarle contro di lui; ma Gesù si nascose e uscì dal tempio.

 

“Samaritano” e “indemoniato”: due insulti che combinandosi insieme aggravano il peso delle accuse mosse contro Gesù con violenza inaudita. Agli occhi dei giudei quest’uomo è un pazzo che parla di una vita oltre la morte, un idolatra e un eretico che pretende di avere la stessa dignità di Dio e che parla e agisce con arroganza demoniaca.

E questo muro contro muro alla fine degenera tristemente: “raccolsero delle pietre per gettarle contro di lui”.


Nell’asprezza dello scontro i giudei, per accusarlo, tirano in ballo Abramo, ma per loro sarà un boomerang perché dà l’occasione a Gesù di dire: Abramo, vostro padre, esultò nella speranza di vedere il mio giorno; lo vide e fu pieno di gioia”.


A cosa si riferisce Gesù? Naturalmente al giorno in cui Dio annunciò ad Abramo la nascita di Isacco dicendogli: “Entro un anno avrai un figlio” (Gen 17,21). Certo, a quell’annuncio Abramo, che aveva cento anni suonati, all’inizio rise dentro di sé ritenendo inverosimile questa promessa: "A uno di cento anni può nascere un figlio?”. Tuttavia quel riso, compiuti per l’anziana moglie i giorni del parto, si tramutò in esultanza. E perché fosse viva la memoria della sua fedeltà, Dio predispose che il nascituro si chiamasse Isacco, il cui significato è appunto: “sorriso”, “Dio ha sorriso”. E in Isacco Abramo intravide il compimento delle promesse del Signore, cioè l’avvento del Messia.


Abramo è dunque passato dal riso al sorriso, dalla fatica di credere alla gioia della fede. Non così i giudei, serrati nel loro scetticismo aggressivo e beffardo: “Chi credi di essere?”, dicono a Gesù rigurgitandogli addosso un’incredulità ostinata.


Ora, se non vogliamo rimanere impantanati anche noi nell’incredulità o per lo meno in una fede molle e anoressica, come Abramo dobbiamo passare dal riso al sorriso, dalla fatica di credere nelle promesse di Dio alla fiducia in Lui, al Suo sorriso. E il suo sorriso è amore che si fa carne in Cristo e ci salva. Sempre, perché Dio non sa fare altro che amare” (Papa Francesco).

207 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Venite a me