strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

"Signore, salvaci!"


Dal Vangelo secondo Matteo

Mt 8,23-27


In quel tempo, salito Gesù sulla barca, i suoi discepoli lo seguirono. Ed ecco, avvenne nel mare un grande sconvolgimento, tanto che la barca era coperta dalle onde; ma egli dormiva.

Allora si accostarono a lui e lo svegliarono, dicendo: «Salvaci, Signore, siamo perduti!». Ed egli disse loro: «Perché avete paura, gente di poca fede?». Poi si alzò, minacciò i venti e il mare e ci fu grande bonaccia.

 

Gesù e i discepoli si stanno apprestando a passare all’altra riva per giungere in terra pagana. La traversata all’improvviso, come spesso capita sul lago di Genesaret, diventa pericolosa a causa della tempesta.

Il testo originale dice che “vi fu un gran terremoto nel mare”.


‘Tempesta’ e ‘terremoto’ sono due espressioni che l’evangelista Matteo sovrappone molto spesso. E non è casuale: quando nella tua vita scoppia una tempesta – quante ne abbiamo passate! – lo sconvolgimento è così grande da avere l’impressione che la terra su cui cammini si scuota e vibri sotto i tuoi piedi: perdi il controllo delle situazioni, non riesci a gestire le contrarietà, ti smarrisci, ti agiti. Intanto però, se hai un po’ di fede, come i discepoli, cominci a gridare al Signore la tua angoscia e chiedi aiuto: «Salvaci, Signore, siamo perduti!».


Tutto si risolverebbe facilmente se il Signore al tuo grido intervenisse subito con il suo braccio potente. E invece no. Sembra che Lui, da un lato, stia sulla barca con te, ma dall’altro hai la sensazione che dorma. E questo ti sconvolge ancora di più perché, per fede, sai che Lui ha il potere di fermare il 'vento' e il 'mare'. A lui nulla è impossibile.


Perché allora dorme?

E mentre ti poni questa domanda ti cresce in cuore una sorta di tacito disappunto. Colui che dovrebbe essere la risposta ai tuoi problemi, diventa un problema in più da risolvere: fuori di te, devi affrontare il terremoto, e dentro, in cuore, devi convincerti e fidarti di Dio, ripetendoti che, pur tra le scosse e gli sconvolgimenti, Lui è presente, sempre, e sempre si prende cura di te, anche se hai l’impressione che ti stia lasciando in alto mare a sbrigartela da solo.


In realtà quest’esperienza, anche se faticosa e dolorosa, è preziosissima.

  • Da un lato, il suo sonno nella tempesta dice: “puoi farcela, mi fido di te, datti da fare, tira fuori tutte le tue energie, te la caverai senz’altro”.

  • Dall’altro, dà a me l’opportunità di svegliarlo attraverso la preghiera fiduciosa.

E così entrambi otteniamo qualcosa: Lui ‘ottiene’ la mia fiducia e io ho l’opportunità di tirar fuori il meglio di me stessa.

Pedagogia di Dio!

195 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti