strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

Vieni dietro a me



Dal Vangelo secondo Luca

Lc 14,25-33

In quel tempo, una folla numerosa andava con Gesù. Egli si voltò e disse loro:

«Se uno viene a me e non mi ama più di quanto ami suo padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo.

Colui che non porta la propria croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo.

Chi di voi, volendo costruire una torre, non siede prima a calcolare la spesa e a vedere se ha i mezzi per portarla a termine? Per evitare che, se getta le fondamenta e non è in grado di finire il lavoro, tutti coloro che vedono comincino a deriderlo, dicendo: “Costui ha iniziato a costruire, ma non è stato capace di finire il lavoro”.

Oppure quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila? Se no, mentre l’altro è ancora lontano, gli manda dei messaggeri per chiedere pace.

Così chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo».

 

Una folla numerosa andava con Gesù. Forse anche oggi tanta gente va con Lui, ma – facciamo chiarezza! - questa non è ancora sequela.

La sequela non è andare con Lui ma venire dietro a lui.


Andare con Gesù è una sorta di percorso parallelo al suo, una fede light, alimentata per soddisfare i nostri bisogni, che ci permetta però di non restare coinvolti mai completamente e di evitare una scelta radicale e definitiva.

Affiancandoci a Lui ci illudiamo di stargli vicino, magari facciamo di tutto perché gli altri lo vedano - rosari in mano e crocifissi al collo! - ma la nostra rimane una vita “parallela” alla sua. E, si sa, come le rette, anche le vite parallele non s’incontrano mai e soprattutto non finiranno mai insieme alla fine del percorso.


È come professare una fede cucita a nostra misura, come piace a noi e come a noi fa più comodo, in cui è sempre possibile conciliare vita ‘cristiana’ e vita ‘propria’ senza rinunciare a niente. Insomma, si vive tenendo i piedi su due staffe con leggerezza superficiale e si agisce da furbi, con ipocrisia. Qualche volta anche semplicemente da buontemponi, un po’ opportunisti e un po’ codardi. In ogni caso sempre per se stessi, per il proprio tornaconto.


Non dimentichiamo però che questa ambiguità, ancora più oscena se messa in atto per attirare consensi, può degenerare e diventare pericolosa: la folla numerosa che andava con Gesù sarà la stessa che più tardi gli volterà le spalle e molti in mezzo ad essa diranno: “Crocifiggilo!”.


Venire dietro a Gesù e dire “credo” è tutta un’altra cosa.

Innanzi tutto – ed è la prima condizione per essere suoi discepoli – i legami: quelli che trattengono dal seguirlo vanno recisi, sempre, fossero pure quelli familiari. E non per smettere di amare il padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, ma per amarli in modo autentico. Nell’amore, ordinato a un bene più grande e duraturo, quello di Dio, nessuno viene escluso, ma niente e nessuno deve prevalere, porre ostacoli, pretendere dilazioni.


Seconda condizione è il “portare la propria croce”, che non è un invito alla rassegnazione paziente, ma ad essere disposti a testimoniare, anche con la vita, la propria fede. Di persecuzioni cruente forse non ne subiremo mai, ma c’è una sorta di violenza verbale, psicologica, fatta di irrisioni, calunnie, offese, che mettono a dura prova la nostra fede. Ma è proprio sul filo di questa tensione che portiamo la croce, mettendo in conto che un prezzo da pagare c’è sempre se vuoi vivere le beatitudini evangeliche.


Terza condizione: rinunciare a tutti i propri averi. A tutti, senza nulla trattenere. E vale per tutti. Non è facoltativo, non è il di più richiesto solo a chi fa professione di povertà per il regno dei cieli. Ma non è neanche un inno alla miseria. È piuttosto dignità: siamo ciò che amiamo e non ciò che abbiamo; e soprattutto libertà autentica, ben consapevoli che l’unico interesse possibile è “guadagnare Cristo” (Fil 3,8).

181 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Venite a me