strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

Seguire e servire


Dal Vangelo secondo Matteo

Mt 20,17-28

In quel tempo, mentre saliva a Gerusalemme, Gesù prese in disparte i dodici discepoli e lungo il cammino disse loro: «Ecco, noi saliamo a Gerusalemme e il Figlio dell'uomo sarà consegnato ai capi dei sacerdoti e agli scribi; lo condanneranno a morte e lo consegneranno ai pagani perché venga deriso e flagellato e crocifisso, e il terzo giorno risorgerà».

Allora gli si avvicinò la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli e si prostrò per chiedergli qualcosa. Egli le disse: «Che cosa vuoi?». Gli rispose: «Di' che questi miei due figli siedano uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno».

Rispose Gesù: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io sto per bere?». Gli dicono: «Lo possiamo». Ed egli disse loro: «Il mio calice, lo berrete; però sedere alla mia destra e alla mia sinistra non sta a me concederlo: è per coloro per i quali il Padre mio lo ha preparato».

Gli altri dieci, avendo sentito, si sdegnarono con i due fratelli. Ma Gesù li chiamò a sé e disse: «Voi sapete che i governanti delle nazioni dòminano su di esse e i capi le opprimono. Tra voi non sarà così; ma chi vuole diventare grande tra voi, sarà vostro servitore e chi vuole essere il primo tra voi, sarà vostro schiavo. Come il Figlio dell'uomo, che non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».

 

Lasciate che oggi, per una volta, smettiamo di guardare alla madre dei figli di Zebedèo solo come a colei che sgomita per assicurare ai figli un posto d’eccellenza alla destra e alla sinistra di Gesù nel suo regno.

È vero che la sua richiesta è inappropriata e la mette inevitabilmente in cattiva luce, insieme ai figli Giacomo e Giovanni che i “primi posti” li desideravano davvero, come più chiaramente attesta l’evangelista Marco che mette sulla loro bocca queste parole molto esplicite: «Concedici di sedere uno alla tua destra e l'altro alla tua sinistra nella tua gloria» (10,37); È anche vero che lo sdegno degli altri discepoli è solo la punta di un iceberg interiore che lascia intuire come il tarlo dell’arrivismo e dell’ambizione abbia corroso anche i Dodici.


Ma oltre questa scorza, amara se volete, c’è dell’altro ed è bene soppesarlo.

Alla richiesta della donna Gesù risponde con una domanda: “Potete bere il calice che io sto per bere?”. E i tre, la madre e i due figli, senza esitare dicono: «Lo possiamo». Anche questa sembra a primo acchito una parola di troppo, forse anche un po’ boriosa. Ma non è così, almeno pensando a questa donna, e lo attesta il fatto che dopo questo episodio la ritroveremo accanto a Gesù durante la crocifissione e di lei in quel frangente si dirà che era tra coloro che “avevano seguito” Gesù dalla Galilea “per servirlo” (cfr. Mt 27, 55-56).


Sorprendentemente la madre dei figli di Zebedèo alla fine percorrerà la via crucis insieme a Gesù e gli rimarrà a fianco fino alla fine, bevendo con lui il calice della passione dopo averlo seguito e servito fino a Gerusalemme.


Perché ho voluto farvi notare tutto questo?

I percorsi della nostra vita di fede non sono dei rettilinei di fedeltà indiscussa e d’integrità inossidabile. A volte sterziamo maldestramente, rallentiamo, freniamo in modo brusco, addirittura può capitare di tornare indietro sedotti dalla nostalgia di ciò che abbiamo lasciato. Ciò che però davvero conta e fa la differenza è la volontà di seguire e di servire Gesù, anche se è messa a dura prova da altri desideri che disturbano e inquietano il cuore.


Lungo il cammino può farci luce la scia luminosa del ‘seguire’ e ‘servire’ in contrapposizione alle zone d’ombra del ‘dominare’ e ‘opprimere’: “Voi sapete che i governanti delle nazioni dòminano su di esse e i capi le opprimono. Tra voi non sarà così”.


Seguire, non dominare camminando avanti come aveva fatto Pietro spinto dall’impeto arrogante d’imporre il suo punto vista e reclamare le sue ragioni, sordo all’ascolto e a sua volta dominato da un’istintiva irruenza priva di garbo e di saggezza.


Servire, non opprimere manipolando la vita degli altri, dettando legge con l’asperità tagliente di una scure che giudica e condanna, e costringendo a sottostare e far dipendere da noi chi da noi s’attende invece gesti di umile docilità e delicato rispetto.

Anche per questa strada – seguire e servire – passano la conversione e il ravvedimento, affinché la Pasqua verso cui camminiamo non ci trovi ancora com’eravamo il mercoledì delle ceneri.


183 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Venite a me