top of page
strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Immagine del redattoreComunità dell'Eremo

Se uno vuole essere il primo



Chi tra noi è il più grande?


Dal Vangelo secondo Marco

Mc 9,30-37

In quel tempo, Gesù e i suoi discepoli attraversavano la Galilea, ma egli non voleva che alcuno lo sapesse. Insegnava infatti ai suoi discepoli e diceva loro: «Il Figlio dell’uomo viene consegnato nelle mani degli uomini e lo uccideranno; ma, una volta ucciso, dopo tre giorni risorgerà». Essi però non capivano queste parole e avevano timore di interrogarlo.

Giunsero a Cafàrnao. Quando fu in casa, chiese loro: «Di che cosa stavate discutendo per la strada?». Ed essi tacevano. Per la strada infatti avevano discusso tra loro chi fosse più grande. Sedutosi, chiamò i Dodici e disse loro: «Se uno vuole essere il primo, sia l’ultimo di tutti e il servitore di tutti».

E, preso un bambino, lo pose in mezzo a loro e, abbracciandolo, disse loro: «Chi accoglie uno solo di questi bambini nel mio nome, accoglie me; e chi accoglie me, non accoglie me, ma colui che mi ha mandato».

 

Dopo il secondo annuncio della passione, giunge in modo a dir poco sorprendente anzi, fuori luogo, la domanda che preoccupa i discepoli. Ne avevano discusso per strada, e intuiamo l’avessero fatto a nervi tesi: chi tra noi è il più grande?

Gesù interviene. Avrebbe potuto farlo con parole dure, apostrofandoli per la loro inadeguatezza: ma come? Io vi sto dicendo per la seconda volta che “Il Figlio dell’uomo viene consegnato nelle mani degli uomini e lo uccideranno” e voi sgomitate e vi accapigliate credendovi su di un cammino di ‘preminenza’ e non lungo una via crucis?


E invece no. Gesù adotta il tipico atteggiamento del maestro: insegna, cercando di correggere anche questa volta l’interpretazione sbagliata e l’atteggiamento inadeguato dei discepoli: «Se uno vuole essere il primo, sia l’ultimo di tutti e il servitore di tutti».

Poi chiosa con un gesto simbolico, una specie di parabola in atto: pone in mezzo a loro un bambino che a quel tempo, a motivo della sua età, come ben sappiamo, rappresentava la persona più insignificante della comunità. E questo suo gesto diventa un vero e proprio faccia a faccia tra il desiderio di primeggiare e la necessità di servire, tra l’ambizione e l’umiltà, rovesciando così la gerarchia dei valori comuni: accogliendo il meno importante, come sottolineava un esegeta, il discepolo accoglie in realtà il più importante, Gesù stesso.


Puntiamo dunque a voler essere i primi sì, ma facendoci servitori di tutti, degli ultimi soprattutto, di coloro che sono ritenuti insignificanti e da cui non puoi ottenere alcuna ricompensa, fosse anche un grazie. Una sfida? Direi più un’opportunità, per ricevere e accogliere Gesù in persona.

223 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Comentarios


bottom of page