strisciablog.jpg
Cerca
  • Comunità dell'Eremo

"Se un giorno la Vita ti mette alle strette"

Dal Vangelo secondo Luca

Lc 9,18-22


Un giorno Gesù si trovava in un luogo solitario a pregare. I discepoli erano con lui ed egli pose loro questa domanda: «Le folle, chi dicono che io sia?». Essi risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elìa; altri uno degli antichi profeti che è risorto».

Allora domandò loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro rispose: «Il Cristo di Dio».

Egli ordinò loro severamente di non riferirlo ad alcuno. «Il Figlio dell’uomo – disse – deve soffrire molto, essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e risorgere il terzo giorno».

"Un giorno" - comincia così oggi il Vangelo.

C'è un giorno destinato a segnarti per sempre, in cui intuisci, magari non subito né chiaramente, che niente sarà più come prima.

In quel 'giorno' la vita ti mette alle strette perché ti pone dinanzi a un punto di svolta. Possono capitare tante cose in quel giorno, e per ognuno di noi lo scenario sarà diverso. Tutti però ci troveremo al bivio della nostra storia e saremo interpellati: "Ma voi, chi dite che io sia?". E non sarà certo un sondaggio d'opinione.

La tua risposta sulla Sua identità sarà come una firma in bianco sul tuo futuro perché dovrai scegliere, senza poter contare su anteprime rassicuranti, a chi affidare per sempre il tuo cuore e a chi consegnare la tua vita condividendo il suo stesso cammino.


"Chi sono io per te?" - ti chiederà il Signore. Ma niente paura. Qui viene il bello, se solo riesci a ‘posizionarti’ in modo adeguato. Fatti trovare, come suggerisce oggi il Vangelo, "in un luogo solitario a pregare" e circóndati di amici che abbiano a cuore la tua stessa domanda.

La risposta arriverà e tu avrai una vita piena, sebbene questo comporti la fatica dell’esodo - uscita obbligata e liberante! - dalle tue vecchie schiavitù.


Allora "Chi sono io per te?" - non sarà più una domanda scomoda e invadente, ma il pungolo salutare che ti butterà giù dal letto ogni mattina con il desiderio, via via più consapevole e forte, di amare e servire.

A quel punto – ed ecco che vuol dire “risorti con Cristo”! - non porterai più sulle spalle una croce subìta e un avverso destino, ma sposerai la speranza che germoglia lì dove cade e muore un chicco di grano. Quel seme, che il mondo percepisce come ‘sprecato’, diventerà pane e sazierà molti. Per una vita che varrà la pena di vivere!

Ho parlato al futuro.

Ma è “oggi” che tutto questo può accadere, se lo vuoi, nel luogo solitario del cuore.

Facendo spazio a Dio.



236 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

LA PAROLA DEL GIORNO

leggi | ascolta | rifletti | prega

icona-whatsapp-300x300.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nel gruppo "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link. Nota: per rendere più agevole e discreto il servizio, non è prevista la possibilità di chattare con i membri del gruppo. Iscriviti solo se sei davvero interessato/a al commento della Parola.

Il tuo modulo è stato inviato!