strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

È così che comincia a farsi strada la risurrezione

Aggiornamento: 17 apr


DOMENICA DI PASQUA - RISURREZIONE DEL SIGNORE (ANNO C)


Dal Vangelo secondo Giovanni

Gv 20,1-9


Il primo giorno della settimana, Maria di Màgdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio, e vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro.

Corse allora e andò da Simon Pietro e dall'altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l'hanno posto!».

Pietro allora uscì insieme all'altro discepolo e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l'altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Si chinò, vide i teli posati là, ma non entrò.

Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro e osservò i teli posati là, e il sudario - che era stato sul suo capo - non posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte.

Allora entrò anche l'altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Infatti non avevano ancora compreso la Scrittura, che cioè egli doveva risorgere dai morti.

 

“Era ancora buio”: l’oscurità avvolge ancora ogni cosa sebbene sia quasi costretta in tutta fretta a cedere il passo al chiarore della luce. È buio ed è mattino, precisa l’evangelista Giovanni, che ovviamente ci spinge ad andare oltre il ciclo naturale del tempo. È delle tenebre, del male e della morte che sembra voglia darci notizia, lasciandoci intuire che sono state finalmente e definitivamente spazzate via dalla luce del Cristo Risorto.


Ma ancora c’è chi non lo sa e cammina nel buio verso il sepolcro per ungere la salma di Gesù. È una donna: Maria di Màgdala. Chiude l’uscio di casa e s’incammina tra le strade infide e pericolose della città ancora deserta per tornare lì dove avevano posto il corpo del Signore. Il dolore l’aveva segnata ma non impietrita e l’amore ora stava facendo il resto suggerendole di tornare lì dove tutto sembrava essere stato inghiottito per sempre dalla morte.


Maria di Màgdala aveva amato intensamente il Maestro e con fedeltà lo aveva seguito fino al Calvario insieme ad altre donne. Dopo la sua morte, in quello stesso giorno, prima del tramonto, si era recata al sepolcro dove Giuseppe d’Arimatea stava ponendo il corpo di Gesù e lì, “seduta di fronte alla tomba”, stava ad osservare (Cfr. Mt 27,61).


Osservare cosa?

La morte, nella sua nudità preservata e raccolta in un lenzuolo pulito che avvolgeva quel corpo sfigurato. Possiamo solo immaginare cosa avesse provato. Di certo l’ultima immagine scolpita nel cuore era stata una pietra, quella che Giuseppe d’Arimatea aveva fatto rotolare per chiudere la tomba scavata nella roccia.


Non è fuori luogo pensare che via via quella pietra, tra dolore, smarrimento e vuoto profondo fosse rotolata anche nel cuore di questa donna. In qualche modo qualcosa anche in lei era morta con Lui, come accade quando la vita ci toglie le persone che amiamo.


Ecco, è con questa pesantezza nel cuore, ancora frastornata e confusa, che Maria di Màgdala raggiunge il sepolcro. Ma, quasi prodigiosamente, di certo in forza del mistero che preme nel cuore, tutto cambia quando “vide che la pietra era stata tolta dal sepolcro”.


Qualche giorno prima, dinanzi a quella pietra era rimasta seduta, ferma ad osservare quella tomba che aveva ingoiato la sua speranza. Ora che la pietra è tolta, anche se ancora non ne comprende il senso, corre. E con lei corrono Pietro e Giovanni. Sembra che tutti siano stati presi di petto e scossi dal loro torpore.

Certo, non ancora riemersi dal loro dolore, non ancora raggiunti dalla consapevolezza. Ma è già un inizio: smetti di stare seduta, ti alzi e corri, in cerca di un senso che ti dia pace e che possa spiegare al tuo cuore 'i pesanti perché' di una pietra che ti porta via la persona che tanto hai amato e che speravi di non dover mai lasciare.


È così che comincia a farsi strada la risurrezione di Gesù: con questa corsa, con il bisogno di condividere il peso dei tuoi perché, con il tornare dai tuoi fratelli in cerca di risposte.

È il Risorto che ti mette di nuovo in movimento, ed è ancora lui, nel giardino della vita, che vedrà il tuo pianto e ti chiederà: “Perché?”, per poi chiamarti ancora una volta per nome e farti capire che Lui c’è, c’è ancora ed è vivo dentro di te. Fino a fare di te la prima testimone della risurrezione.


È tempo ed è questo, oggi, adesso, subito, che tu vada ad annunciare ai tuoi cari, agli amici, a questo mondo ‘malato’ che continua a scavare tombe senza speranza: “Ho visto il Signore” (Gv 20,18).

Buona Pasqua!

Di cuore. A voi e alle vostre famiglie.


La Comunità del Piccolo Eremo delle Querce

259 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Venite a me