strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

Le potature di Dio


Dal Vangelo secondo Giovanni

Gv 15, 1-8


In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:

«Io sono la vite vera e il Padre mio è l'agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato.

Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano.

Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli».

 

Gesù si era definitivo “la luce”, “la via”, “la verità”, “la vita”, “il pane”. Ora dice di sé: “Io sono la vite”.

L’immagine della vite e della vigna aveva un grande valore simbolico. I profeti l’avevano usata per raccontare il rapporto tra Dio e Israele e dunque era molto a cara al popolo. Già dopo il diluvio era stata richiamata come segno di vita nuova; poi come primo frutto trovato nella terra promessa; e infine era diventata metafora della Sapienza e della sposa feconda che vive nell’intimità della casa.


Ora Gesù dice: di questa vigna che ha molti ceppi io sono la vite, “quella vera”, non una qualunque, ma quella autentica, fedele e feconda, e il Padre mio, come ogni buon contadino della Palestina, è colui che se ne prende cura perché porti frutto.


Naturalmente, in lui, noi siamo i tralci. Sappiamo bene che in inverno i tralci secchi vengono recisi e in primavera si potano i nuovi getti, i più deboli, per evitare che sottraggano linfa alla vite. Ma sia nell’uno che nell’altro caso c’è un unico obiettivo: che porti frutto, che porti più frutto.


Certo, ogni potatura, nella nostra vita, è sempre dolorosa: purifica sì, ma è un taglio nel vivo che può far male e, a primo acchito, può sembrare ingiusto e incomprensibile. Ma ha una sua logica, ed è per la vita, non per la morte. Soprattutto manifesta la premura con cui Dio si prende cura di noi. Non a caso quando potiamo le viti a primavera, a ogni taglio esce una lacrima e i vecchi dicono che la vite piange perché finalmente “si è mossa” e la linfa – la vita! – comincia a scorrere nel tralcio.


Sbagliamo però se pensiamo che i rami secchi della vite siano coloro che, agli occhi di Dio, si comportano male e siano, per dirlo con una sola parola, i “cattivi”, in contrapposizione ai “buoni” che invece portano molto frutto.

Il ramo secco è piuttosto tutto ciò che noi, in tutti, è miseria, infedeltà, debolezza, peccato. Dio non recide nessuno dei suoi figli, anzi è venuto proprio per i più deboli, i tralci “malati”, ma interviene nel vivo dei loro atteggiamenti inautentici, che non portano frutto, e pota, come sa fare Lui, con perfezione chirurgica e infinita pazienza.


Badate, però: è Lui che deve potare, non noi. Ricordiamocelo!

Se lo facciamo noi, e di solito lo facciamo con l’intento di potare i rami secchi degli altri e non i nostri, siamo come coloro che, con presunzione e ipocrisia, vogliono togliere la pagliuzza dall’occhio dell’altro mentre nel loro occhio c’è una trave spessa e inamovibile, che fuor di metafora significa che sono sempre pronti a guardare e giudicare i difetti degli altri mentre sono molto indulgenti con il male più grande che impedisce loro la vista.


Lasciamo dunque che la Parola di Dio ci poti a dovere.

E fidiamoci di Lui: non è forse detto che questa Parola “è più tagliente di una spada a doppio taglio che penetra fino al punto di divisione dell’anima e dello spirito, delle giuntura e delle midolla e scruta i sentimenti e i pensieri del cuore” (Eb 4,12)?

231 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Accogliervi

Lo sposo