strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

Vuoi onorare l’altare?



Dal Vangelo secondo Luca

Lc 6,1-5


Un sabato Gesù passava fra campi di grano e i suoi discepoli coglievano e mangiavano le spighe, sfregandole con le mani.

Alcuni farisei dissero: «Perché fate in giorno di sabato quello che non è lecito?».

Gesù rispose loro: «Non avete letto quello che fece Davide, quando lui e i suoi compagni ebbero fame? Come entrò nella casa di Dio, prese i pani dell’offerta, ne mangiò e ne diede ai suoi compagni, sebbene non sia lecito mangiarli se non ai soli sacerdoti?».

E diceva loro: «Il Figlio dell’uomo è signore del sabato».

 

«Perché fate in giorno di sabato quello che non è lecito?», chiedono i farisei ai discepoli.

A rispondere però è Gesù, e cita Davide: “quando lui e i suoi compagni ebbero fame”, trovandosi dunque “nel bisogno”, come sottolinea l’evangelista Marco nella sua versione del racconto, entrò nella casa di Dio e mangiò i pani dell'offerta.

La chiave di tutto dunque è “il bisogno”, un bisogno reale e legittimo, e quando c’è di mezzo una vita umana in necessità o in pericolo, violare la regola dello shabbat non solo è concesso ma diventa un obbligo perché "il sabato è stato fatto per l'uomo e non l'uomo per il sabato!”. Non solo: “Il Figlio dell’uomo è signore del sabato”. Che vuol dire: ho l’autorità di fare tutto questo e lo faccio, di dirvelo e ve lo dico.


Ora noi, dopo duemila anni di cristianesimo, ce la prendiamo ancora tanto con scribi e farisei per aver tradito e stravolto la Legge. Bolliamo la loro ipocrisia perché hanno moltiplicato i precetti mantenendo intatta solo la forma e così facendo hanno spento lo spirito e si sono murati dentro “dottrine che sono precetti di uomini”.


Tutto vero. Ma noi, Vangelo alla mano, stiamo facendo di meglio?

  • Ci siamo forse aggrovigliati anche noi nell’intellettualismo, nell’immobilismo e nel formalismo che, come dice papa Francesco, “ci porta al rischio dell’ipocrisia”?

  • Siamo forse anche noi tra quei cristiani del terzo millennio che vanno a Messa e poi si chiudono in casa tranquilli a trastullarsi intorno all’intimismo di una fede senza opere, muta, sorda e cieca ai bisogni degli altri?


Proprio stamani leggevo un’omelia di san Giovanni Crisostomo. Le sue parole mi sembrano illuminanti. E possono aiutarci a fare chiarezza nel cuore:

“Mentre adorni l’ambiente del culto, non chiudere il tuo cuore al fratello che soffre. Questi è un tempio vivo più prezioso di quello” (In Matth. h. 50).

E ancora: “Fratelli, sorelle, se volete essere sacerdoti del Signore, praticate la condivisione dei beni. Se vuoi vedere l’altare, guarda alle membra di Cristo. Il corpo del Signore, corpo dei fratelli poveri e ultimi, è per te l’altare: veneralo! È più importante l’altare dei poveri che l’altare del culto. L’altare dei poveri non tiene su di sé il corpo di Cristo, ma è il corpo di Cristo. Vuoi onorare l’altare? Per strada, quando incontri un bisognoso, quello è l’altare su cui celebrare la liturgia della condivisione, dell’amore concreto, della comunione” (In 2Cor.h. 20).


Non credo ci sia bisogno di fare altri commenti. Condivisione, amore concreto, comunione: “Se non arriveremo a questa Chiesa di vicinanza, con compassione e tenerezza, non saremo la Chiesa del Signore” (Papa Francesco).


Foto: Piccolo Eremo delle Querce, Consacrazione della Chiesa dedicata alla SS. Trinità.

235 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Venite a me