strisciablog.jpg
Cerca
  • Comunità dell'Eremo

"Non ti lascio affondare"


Dal Vangelo secondo Luca

Lc 11,42-46

In quel tempo, il Signore disse: «Guai a voi, farisei, che pagate la decima sulla menta, sulla ruta e su tutte le erbe, e lasciate da parte la giustizia e l’amore di Dio. Queste invece erano le cose da fare, senza trascurare quelle. Guai a voi, farisei, che amate i primi posti nelle sinagoghe e i saluti sulle piazze. Guai a voi, perché siete come quei sepolcri che non si vedono e la gente vi passa sopra senza saperlo».

Intervenne uno dei dottori della Legge e gli disse: «Maestro, dicendo questo, tu offendi anche noi». Egli rispose: «Guai anche a voi, dottori della Legge, che caricate gli uomini di pesi insopportabili, e quei pesi voi non li toccate nemmeno con un dito!».

Seduto a tavola con un fariseo che lo aveva invitato a pranzo, Gesù si sta rivelando un ospite scomodo, se non addirittura scortese:

...oh, ma che fa?

Lo invitano e si mette a insultare i padroni di casa?

Dov’è finita la buona educazione, il buon senso?


Un momento: niente di tutto questo! Perché in quel “guai a voi” c’è tutto il dispiacere di un Dio che non si rassegna a vederci affondare mentre è sulla barca con noi e cerca di farci passare all’altra riva, desiderando che questa traversata ci conduca davvero alla salvezza. Certo, è indignato, ma la sua è un’indignazione profetica: denuncia un male per tirarci fuori dal male.


Ed ecco i tre “guai”, i tre mali che anche noi dobbiamo smascherare e chiamare per nome.


Primo: vi preoccupate di essere minuziosi e puntuali nell’osservanza di alcune leggi, anche le più piccole, forse fino all’esagerazione, però trascurate ciò che davvero Dio vuole da voi: giustizia e amore.


Secondo: poiché vi credete indefettibili e puri, pensate sia 'doveroso' che vi si accolga con applausi e ovazioni. Anzi, andate continuamente in cerca di “visibilità” per essere ammirati, ‘riconosciuti’. Ma la vostra vita è una tomba, siete morti dentro, impuri come i cadaveri, anche se la gente non lo sa o, meglio, se ne accorge dopo. Vi si crede inappuntabili e invece contaminate chi vi si avvicina.


Terzo: siete davvero ipocriti perché pretendete dagli altri ciò che voi non fate. E la vostra responsabilità è grande perché dovreste essere guide del popolo e non cattivi maestri.


E noi? Ci rispecchiamo in qualcuno di questi tre guai?

Se sì, se qualcosa ci punge, evitiamo almeno il ridicolo: non facciamo gli offesi, come i dottori della Legge. Piuttosto facciamo una sana autocritica perché, sapete, quando si legge questo vangelo lo si applica più facilmente agli altri che a se stessi. Anzi, leggendolo, ti vengono subito in mente certe persone… siamo bravi infatti a diagnosticare i peccati degli altri e ancor più bravi a nascondere i nostri!

Chissà se oggi non sia la volta buona che curiamo noi stessi!

219 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

LA PAROLA DEL GIORNO

leggi | ascolta | rifletti | prega

icona-whatsapp-300x300.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nel gruppo "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link. Nota: per rendere più agevole e discreto il servizio, non è prevista la possibilità di chattare con i membri del gruppo. Iscriviti solo se sei davvero interessato/a al commento della Parola.

Il tuo modulo è stato inviato!