strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

"Àlzati e mettiti qui in mezzo!"



Dal Vangelo secondo Luca

Lc 6,6-11

Un sabato Gesù entrò nella sinagoga e si mise a insegnare. C’era là un uomo che aveva la mano destra paralizzata. Gli scribi e i farisei lo osservavano per vedere se lo guariva in giorno di sabato, per trovare di che accusarlo.

Ma Gesù conosceva i loro pensieri e disse all’uomo che aveva la mano paralizzata: «Àlzati e mettiti qui in mezzo!». Si alzò e si mise in mezzo.

Poi Gesù disse loro: «Domando a voi: in giorno di sabato, è lecito fare del bene o fare del male, salvare una vita o sopprimerla?». E guardandoli tutti intorno, disse all’uomo: «Tendi la tua mano!». Egli lo fece e la sua mano fu guarita.

Ma essi, fuori di sé dalla collera, si misero a discutere tra loro su quello che avrebbero potuto fare a Gesù.

 

E guardandoli tutti intorno, disse all’uomo: «Tendi la tua mano!» - Ancora una volta Gesù ‘si mette in mezzo’ per ribadire quanto gli sta a cuore: vero è che il sabato è il giorno in cui si celebra la dignità dell’uomo creato a immagine e somiglianza di Dio, vero è che l'uomo deve riposare come Dio si è riposato, ma è proprio in nome di questa sua dignità che bisogna guarirlo, “fare del bene”, “salvare una vita”, anche “in giorno di sabato”. Tanto più che la dignità del malato a quel tempo veniva iniquamente calpestata poiché si riteneva che la malattia fosse un castigo di Dio e chi ne era colpito veniva per questo dichiarato impuro ed emarginato da tutti.

Ecco: all’uomo “paralizzato” dalla malattia e dai pregiudizi - proprio perché anche di sabato bisogna fare il bene, sempre - è necessario restituire subito quanto gli è stato sottratto.


E Gesù lo fa con un gesto eloquente: mettendosi in mezzo, punta gli occhi su scribi e farisei che con lo sguardo sorvegliano le sue mosse per trovare di che accusarlo e poi chiede all’uomo che aveva la mano paralizzata di mettersi con Lui al centro, sotto gli occhi tutti: «Àlzati e mettiti qui in mezzo!».


L’evangelista vuole che questa posizione di Gesù e dell’uomo dalla mano inaridita s’imprima nel cuore e nelle coscienze, anche nelle nostre. Per questo s’affretta a sottolineare che quell’uomo “si alzò e si mise in mezzo”. E per averlo fatto, “la sua mano fu guarita”.

Per Gesù è la persona, con i suoi bisogni, le sue fragilità, che sta sempre al centro, non le prescrizioni, non le regole. Anzi, una sì la mette, sopra ogni altra, e senza ammettere eccezioni: fare del bene e non fare del male. Cosa che già il Signore nell’Antico Testamento aveva detto in tutte le salse, ma che purtroppo scribi e farisei avevano trascurato, anzi calpestato. Basti pensare che, dopo la guarigione di quest’uomo, dentro la sinagoga (!), fuori di sé dalla collera, si misero a discutere tra loro su quello che avrebbero potuto fare a Gesù.

Prima lo avevano spiato, ora cercano di farlo fuori.


Chi ha davvero calpestato il sabato?

Gesù, che ha guarito l’uomo dalla mano inaridita, o gli uomini di ogni tempo che, inariditi nel cuore, magari freschi di culto e d’incenso, vivono nella finzione, nell’ipocrisia e nel pregiudizio?


Vi prego, dunque, scrolliamoci di dosso tutto ciò che distoglie dal fare del bene: “una società è tanto più umana quanto più sa prendersi cura dei suoi membri fragili e sofferenti, e sa farlo con efficienza animata da amore fraterno. Tendiamo a questa meta e facciamo in modo che nessuno resti da solo, che nessuno si senta escluso e abbandonato” (Papa Francesco).

215 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Venite a me