strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

Le nostre incoerenze

Aggiornamento: 23 mar


Dal Vangelo secondo Matteo

Mt 5,17-19

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Non crediate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non sono venuto ad abolire, ma a dare pieno compimento. In verità io vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, non passerà un solo iota o un solo trattino della Legge, senza che tutto sia avvenuto.

Chi dunque trasgredirà uno solo di questi minimi precetti e insegnerà agli altri a fare altrettanto, sarà considerato minimo nel regno dei cieli. Chi invece li osserverà e li insegnerà, sarà considerato grande nel regno dei cieli».

 

Gli Ebrei la chiamano halakàil cammino, la strada – ed è l’applicazione pratica della Torà esplicitata dalla legislazione rabbinica. Gesù – che Maestro è! – con il suo insegnamento, con la sua halakà, non abolisce le Legge e i Profeti. Tutt’altro! Non solo infatti osserva pienamente la Legge praticandola nella sua integrità fin nei minimi precetti, ma la trasfigura e la porta a compimento facendo riemergere dalla polvere dell’ipocrisia le intenzioni originarie di Dio.


Quanto questo sia importante lungo il nostro cammino possiamo intuirlo dalle sue parole: “non sono venuto per distruggere, ma per confermare”. Chi segue il Vangelo non deve fare il rottamatore ma deve aprire gli occhi e il cuore per riconoscere in questa buona notizia quanto il Signore da sempre ha voluto per noi.

Per questo Gesù aggiunge: “non passerà un solo iota o un trattino della Legge”. Lo iota è la nona lettera dell’alfabeto greco che corrisponde la più piccola lettera dell’alfabeto ebraico, mentre il trattino, nella scrittura ebraica, è solo un segno ornamentale. Che vuole dire Gesù? Non tralasciate neanche il minimo dettaglio della Parola di Dio e non manipolatela “con tristi riduzionismi”, come dice Papa Francesco.


E qui un esempio è d’obbligo e in questi giorni è sotto gli occhi di tutti. Quando ci si permette di citare il Vangelo - «Non c’è amore più grande di dare la propria vita per i propri amici» è stato detto follemente! - per giustificare la guerra d’invasione in Ucraina è questo che si fa: si manipola il Vangelo e si usa Dio per giustificare un sacrilego, immorale atto criminale.


Altrettanto grave è il subordinare il Vangelo al potere politico, giustificandolo, anzi legittimandolo. Qual è la logica che sottostà meschinamente a certe posizioni “sottomesse” e ripiegate nella complicità più deprecabile?

Perdonate se la lingua batte lì dove il dente duole, ma abbiamo bisogno di un sussulto di umanità e di fede autentica che ci mettano al riparo dalle derive di un’ipocrisia folle ormai degenerata nella più inaudita violenza.


Guardiamoci dentro dunque. E in questo momento delicatissimo della nostra storia scriviamo una halakà illuminata e coerente perché il cammino di tutti e di ciascuno torni a essere strada evangelica di vita. Né io né voi forse potremo grandi cose, ma tutti possiamo disinnescare questa barbarie d’egoismo e di tornaconto, di utilitarismo e sfruttamento, di violenza e prevaricazione disponendoci davvero a dare la vita per gli amici e – cosa altrettanto necessaria - ad amare anche i nemici, secondo il comando del Vangelo.


All’uno e l’altro, all’amico e al nemico, dobbiamo testimoniare con la vita che un’alternativa c’è, e di certo non è l’odio. Vi prego però non diciamolo con parole gridate, ma facciamola questa alternativa, lì dove siamo, facendo fiorire il poco o molto che abbiamo tra mano. Sarà lo “iota” o il “trattino” di un gesto di pace, di una porta che si apre per accogliere, di un saluto che si è negato per troppo tempo.


Fate voi ma, vi prego, facciamolo subito.

Vedete cosa succede quando giustifichiamo certi ‘muri’? Prima o poi diventano barricate.

197 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

"La mia pace"