strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

"Vi ho dato un esempio"


GIOVEDÌ SANTO

Dal Vangelo secondo Giovanni

Gv 13,1-15


Prima della festa di Pasqua, Gesù, sapendo che era venuta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò sino alla fine.

Durante la cena, quando il diavolo aveva già messo in cuore a Giuda, figlio di Simone Iscariota, di tradirlo, Gesù, sapendo che il Padre gli aveva dato tutto nelle mani e che era venuto da Dio e a Dio ritornava, si alzò da tavola, depose le vesti, prese un asciugamano e se lo cinse attorno alla vita. Poi versò dell'acqua nel catino e cominciò a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l'asciugamano di cui si era cinto.

Venne dunque da Simon Pietro e questi gli disse: «Signore, tu lavi i piedi a me?». Rispose Gesù: «Quello che io faccio, tu ora non lo capisci; lo capirai dopo». Gli disse Pietro: «Tu non mi laverai i piedi in eterno!». Gli rispose Gesù: «Se non ti laverò, non avrai parte con me». Gli disse Simon Pietro: «Signore, non solo i miei piedi, ma anche le mani e il capo!». Soggiunse Gesù: «Chi ha fatto il bagno, non ha bisogno di lavarsi se non i piedi ed è tutto puro; e voi siete puri, ma non tutti». Sapeva infatti chi lo tradiva; per questo disse: «Non tutti siete puri».

Quando ebbe lavato loro i piedi, riprese le sue vesti, sedette di nuovo e disse loro: «Capite quello che ho fatto per voi? Voi mi chiamate il Maestro e il Signore, e dite bene, perché lo sono. Se dunque io, il Signore e il Maestro, ho lavato i piedi a voi, anche voi dovete lavare i piedi gli uni agli altri. Vi ho dato un esempio, infatti, perché anche voi facciate come io ho fatto a voi».

 

Giovedì santo: Messa “In coena Domini”. Così indica la liturgia. Stranamente però ci propone il Vangelo di Giovanni, l’unico evangelista a non raccontare l’istituzione dell’Eucaristia, al posto della quale inserisce la lavanda dei piedi.


Perché l’evangelista Giovanni fa questa scelta e così anche la liturgia?

Si vuole dare un messaggio: Eucaristia e lavanda dei piedi sono così strettamente intrecciate che l’una senza l’altra non si comprende e non si vive pienamente. Come dire: stai veramente a mensa con il Signore se stai anche ai piedi dei tuoi fratelli e viceversa. C’è il corpo e il sangue di Cristo nell’Eucaristia e c’è il corpo e il sangue di Cristo nell’altro, si chiami Pietro, Giovanni ...o addirittura Giuda. Sì, anche Giuda, il che vuol dire: amico o traditore che sia, sempre corpo e sangue di Cristo è!

Dunque, mai Eucaristia senza carità e mai carità senza Eucaristia.


Questa carità ha forme e colori ben precisi e ci lascia intravvedere la bellezza di Dio che è venuto ad abitare in mezzo a noi da ‘servo’ e si è inginocchiato dinanzi alla nostra umanità facendosi ‘schiavo’. Altro che trono, che regno, che dominio, come le folle e persino i discepoli desideravano e come in fondo anche noi sotto sotto vorremmo!


Prima dunque di arrivare all’altare e tendere la mano per ricevere l’Eucaristia, dovremmo visualizzare i sette fotogrammi della lavanda dei piedi e chiederci se davvero vogliamo vivere pienamente in comunione con Lui, nel modo che ci ha indicato: Vi ho dato un esempio perché anche voi facciate come io ho fatto a voi”.


Ed ecco l’esempio:

  • “si alzò da tavola”: vai incontro all’altro, sempre, tu per primo. Non aspettare che ti cerchino, ti chiamino, ti chiedano;

  • “depose le vesti”: Gesù depone la sua stessa vita, rimane nudo come sulla croce. È la nudità dell’amore. Assumi anche tu la trasparenza schietta, la nudità della comunione e deponi nella terra dell’umiltà le maschere subdole dell’orgoglio e del tornaconto. Svestiti di te stesso!

  • prese un telo”: Il telo, che è insieme grembiule e asciugatoio, diventa la veste di Gesù ed è quella del servitore. Tu sei disposto/a a indossarla sempre, senza cambiar d’abito quando più ti conviene?

  • "se lo cinse alla vita” - La nudità di Gesù è rivestita di servizio, cioè del farsi tutto a tutti (cfr. 1Cor 9,22), come aveva ben intuito Basilio il Grande: “Non bisogna che alcuno sia padrone di se stesso, ma in ogni cosa deve sentire e deve agire come consegnato da Dio al servizio dei fratelli, che sono con lui un’anima sola”.

  • "versò l’acqua nel catino": acqua che diventa sporca, catino che raccoglie la polvere di tutti e di certo non profuma di pulito. «Se dovessi scegliere una reliquia dell’Ultima cena, diceva Madeleine Delbrêl, prenderei proprio quel catino colmo d’acqua sporca». Che diventi anche per te “reliquia” e non rifiuto e rigetto dell’altro nel momento in cui ti mette tra le mani la sua “polvere” e i suoi “umori”.

  • cominciò a lavare i piedi dei discepoli”. Pensate a questo “cominciò”: Gesù ha iniziato, ora tocca a noi continuare.

  • "e ad asciugarli con l’asciugatoio di cui si era cinto" - Noi amati fino alla fine, lavati da Gesù, ora siamo asciugati dal suo telo e rivestiti del suo stesso mandato: servire. E notate: il Vangelo non dice che a un certo punto Gesù abbia tolto il grembiule. No, notifica soltanto che "riprese le sue vesti". Come a dire: io sto tra voi come servo, per sempre. Così voi, siatelo per sempre!


E come per l'Eucaristia, potremmo aggiungere: “Fate questo in memoria di me”.


276 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Venite a me