strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

La sedia a dondolo


Dal Vangelo secondo Matteo

Mt 23,1-12


In quel tempo, Gesù si rivolse alla folla e ai suoi discepoli dicendo: «Sulla cattedra di Mosè si sono seduti gli scribi e i farisei. Praticate e osservate tutto ciò che vi dicono, ma non agite secondo le loro opere, perché essi dicono e non fanno. Legano infatti fardelli pesanti e difficili da portare e li pongono sulle spalle della gente, ma essi non vogliono muoverli neppure con un dito. Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dalla gente: allargano i loro filattèri e allungano le frange; si compiacciono dei posti d'onore nei banchetti, dei primi seggi nelle sinagoghe, dei saluti nelle piazze, come anche di essere chiamati rabbì dalla gente. Ma voi non fatevi chiamare rabbì, perché uno solo è il vostro Maestro e voi siete tutti fratelli. E non chiamate padre nessuno di voi sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello celeste. E non fatevi chiamare guide, perché uno solo è la vostra Guida, il Cristo. Chi tra voi è più grande, sarà vostro servo; chi invece si esalterà, sarà umiliato e chi si umilierà sarà esaltato».

 

Al tempo di Gesù gli scribi e i farisei stavano seduti sulla cattedra di Mosè, non tanto perché fisicamente occupassero un seggio speciale nelle sinagoghe ma perché esercitavano l’autorità ricevuta da Mosè e parlavano “ex cathedra”, con il ruolo di chi insegna, custodendo e trasmettendo i precetti della Torà. Di loro Gesù dice: “Praticate e osservate tutto ciò che vi dicono, ma non agite secondo le loro opere, perché essi dicono e non fanno”.


Chi siede in cattedra e ha autorità, non importa se su molti o su pochi, è investito di una responsabilità che va ben oltre il proprio orticello: le sue parole saranno raccolte e amplificate e di più, molto di più i suoi gesti, le sue scelte, le sue prese di posizione, come stiamo vedendo amaramente anche ai nostri giorni.


È il pastore di una comunità cristiana, è un capo di Stato, è un padre o una madre di famiglia? Qualunque sia la cattedra su cui siede – ed è lì forse perché Dio ce lo ha messo! – non può ridurla ad una sedia a dondolo, non può manipolare il dono ricevuto e stravolgere lo scopo della sua missione seminando confusione e provocando fratture insanabili o per lo meno difficili a ricomporsi.


Questo dobbiamo tenere a mente: portare sulle nostre spalle il giogo di Cristo significa portare su di noi il gregge che Lui ci ha affidato avendo cura che nessuno si perda e che il demone della divisione non intacchi l’unità di “un solo gregge e un solo pastore”, ardentemente desiderata da Cristo.


Il pastore deve amare il suo gregge, deve proteggerlo a tutti i costi, ma con la sapienza che scaturisce dal Vangelo. E non può che essere una guida saggia, capace di dare la vita per coloro che gli sono stati affidati. Guai a chi pasce se stesso e a chi ingrassa il gregge per nutrire la propria avidità, come dice il profeta Ezechiele: “Così parla il Signore, Dio: Eccomi contro i pastori; io domanderò le mie pecore alle loro mani; li farò cessare dal pascere le pecore; i pastori non pasceranno più se stessi; io strapperò le mie pecore dalla loro bocca ed esse non serviranno più loro di pasto»” (Ez 34,10).


Altro che filatteri allargati e frange allungate!

Altro che posti d’onore e primi seggi!

Altro che saluti nelle piazze e smania di essere chiamati e riconosciuti “maestri”!


“Lasciamoci mettere in crisi da Cristo” – dice Papa Francesco. C’è un gregge smarrito ed è quella gente che un tempo viveva con gioia all’ombra dei campanili, sono quei figli che crescevano con la schiena dritta grazie all’esempio di genitori onesti e timorati idi Dio, sono quelle comunità che prosperavano attorno alla ricerca del bene comune, forti dei loro valori inossidabili: la solidarietà, l’amicizia, il rispetto, il senso del dovere. Ma davvero vogliamo lasciarci alle spalle la ricchezza di questa nostra umanità?

Che ci sia una ritrovata coscienza del nostro ruolo nel mondo e nella storia e soprattutto della missione che abbiamo ricevuto da Dio!


È tempo di raddrizzare la schiena e ricominciare ad essere ‘uomini’ e 'donne'!

189 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

"La mia pace"