strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

La preghiera che fa breccia nel cuore di Dio


Dal Vangelo secondo Luca

Lc 18,1-8

In quel tempo, Gesù diceva ai suoi discepoli una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai: «In una città viveva un giudice, che non temeva Dio né aveva riguardo per alcuno.

In quella città c’era anche una vedova, che andava da lui e gli diceva: “Fammi giustizia contro il mio avversario”.

Per un po’ di tempo egli non volle; ma poi disse tra sé: “Anche se non temo Dio e non ho riguardo per alcuno, dato che questa vedova mi dà tanto fastidio, le farò giustizia perché non venga continuamente a importunarmi”».

E il Signore soggiunse: «Ascoltate ciò che dice il giudice disonesto. E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui? Li farà forse aspettare a lungo? Io vi dico che farà loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?».


 

LA PERSEVERANZA NELLA PREGHIERA

È UNA CHIAVE POSTA TRA LE NOSTRE MANI

CHE APRE LE PORTE DEL CIELO

E FA BRECCIA NEL CUORE DI DIO.


Se persino un giudice “che non teme Dio”, letteralmente “incapace rispettare gli altri, di rientrare sé, provare vergogna ed essere turbato”, finisce per capitolare e “fare giustizia” ad una povera vedova, cosa non farà il Signore per gli oppressi “che gridano giorno e notte verso di lui?”

E se quest’uomo disonesto, quintessenza del potere dispotico, fa giustizia solo “per non essere più importunato”, con quale premura paterna non interverrà invece Dio per “i suoi eletti”?


Ecco perché è necessario pregare con costanza e tenacia:

  • guardando al giudice, sei certo che Dio, infinitamente buono, farà certamente meglio e di più, molto di più;

  • guardando alla vedova, ti convinci che la perseveranza nella preghiera, l’insistenza capace di “importunare Dio” è una chiave posta tra le nostre mani che apre le porte del Cielo e fa breccia nel cuore di Dio, sempre.

E la giustizia che chiediamo, Dio non la fa, come il giudice, dopo un certo tempo, ma prontamente.


Ricordiamocelo quando nelle difficoltà e nelle crisi ci viene da pensare che Dio sia assente, distante, distratto, sordo ai drammi che viviamo. Non lo è, mai, anche se abbiamo l’impressione che tardi a venirci in aiuto o stia intervenendo in modo inadeguato: pur nell’ambivalenza della nostra storia, segnata da contraddizioni e sofferenze, Lui c’è e agisce con potenza nei tempi e nei modi che solo la fede sa vedere, apprezzare e accogliere!

230 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

"Immacolata"