strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

"La mia pace"


Dal Vangelo secondo Giovanni

Gv 14,27-31a


In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:

«Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore. Avete udito che vi ho detto: "Vado e tornerò da voi". Se mi amaste, vi rallegrereste che io vado al Padre, perché il Padre è più grande di me. Ve l'ho detto ora, prima che avvenga, perché, quando avverrà, voi crediate.

Non parlerò più a lungo con voi, perché viene il prìncipe del mondo; contro di me non può nulla, ma bisogna che il mondo sappia che io amo il Padre, e come il Padre mi ha comandato, così io agisco».

 

Vi avevo accennato ai tre discorsi d’addio di Gesù: li abbiamo meditati in questi giorni con grande commozione e gratitudine.

Gesù ha rincuorato i suoi discepoli assicurando loro che non li abbandonerà. Anzi tornerà e si fermerà a vivere con loro, in modo nuovo, certo, ma altrettanto efficace e denso di consolazione grazie all’azione dello Spirito Paràclito che starà dalla loro parte insegnando e ricordando che Dio è amore. Amore che salva.


Oggi ascoltiamo le battute conclusive del suo ultimo discorso d’addio. Prima di accomiatarsi dai suoi, Gesù lascia loro in dono la sua pace – lo shālôm – che è ben più del saluto augurale e affettuoso, ma anche convenzionale, che ci si scambiava in Israele arrivando e partendo da casa.

La pace di cui parla Gesù è l’insieme dei beni che solo Dio può donare e dà fiato a un benessere che scaturisce dalla consapevolezza di essere stato raggiunti dalla sua Parola e avvolti dalla sua misericordia.

Offrendoci la pace, Gesù ci dà tutto di sé ma ci chiede anche qualcosa: avere un cuore ben disposto a fidarsi di Lui, del suo essere in mezzo a noi sempre, nel mondo e nella storia.


Sentire lo shālôm qui, alla vigilia della sua passione, non è un semplice incoraggiamento rivolto ai discepoli, ma un’eredità, che appartiene anche a noi. Eredità da tirar fuori soprattutto nel tempo della prova e della tribolazione per coltivare con fiducia la certezza della sua vittoria sul male.


Capite bene ora perché Gesù dica: “vi do la mia pace”. ‘La sua’, non quella fragile e inconsistente che scaturisce dai negoziati e dai compromessi degli uomini. Questi durano finché c’è una convenienza da sfruttare e vanno in fumo appena la prospettiva di una guerra lascia intravedere conquiste e interessi più grandi. No, non è quella la pace vera donata da Gesù. Quella purtroppo è solo una pace di plastica che cammina a braccetto con la tracotanza dei potenti, gli interessi di pochi e il dolore, l’oppressione e lo sfruttamento della povera gente.


Non possiamo allora che unirci ai 40 appelli lanciati da papa Francesco e alla sua preghiera perché si ponga fine alla guerra in Ucraina e in tutti quei covi di violenza che stanno trasformando la nostra terra in un campo minato: “Per favore, fermatevi. Si imbocchi la via del dialogo e della pace!”.


222 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

"Immacolata"