strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

"L'arma spuntata della fede"


Dal Vangelo secondo Matteo

Mt 8,5-11

In quel tempo, entrato Gesù in Cafàrnao, gli venne incontro un centurione che lo scongiurava e diceva: «Signore, il mio servo è in casa, a letto, paralizzato e soffre terribilmente». Gli disse: «Verrò e lo guarirò».

Ma il centurione rispose: «Signore, io non sono degno che tu entri sotto il mio tetto, ma di’ soltanto una parola e il mio servo sarà guarito. Pur essendo anch’io un subalterno, ho dei soldati sotto di me e dico a uno: “Va’!”, ed egli va; e a un altro: “Vieni!”, ed egli viene; e al mio servo: “Fa’ questo!”, ed egli lo fa».

Ascoltandolo, Gesù si meravigliò e disse a quelli che lo seguivano: «In verità io vi dico, in Israele non ho trovato nessuno con una fede così grande! Ora io vi dico che molti verranno dall’oriente e dall’occidente e siederanno a mensa con Abramo, Isacco e Giacobbe nel regno dei cieli».

 

“Gesù si meravigliò” – Solo due volte nei Vangeli si registra verbalmente la meraviglia di Gesù alla vista di qualcuno. Qui, dinanzi alla fede del centurione e poi a Nazaret di fronte all’incredulità dichiarata dei suoi compaesani. Un’incredulità così impermeabile che in mezzo a loro “non poteva compiere nessun prodigio” (Mc 6,5).

In entrambi i casi, certo, la meraviglia è più che comprensibile. Avresti mai pensato che proprio chi ti è più vicino non ti capisce, anzi ti muove guerra e cerca di metterti i bastoni tra le ruote? E di contro, avresti mai immaginato di poter essere in sintonia con qualcuno che per cultura, fede, ambiente è tanto lontano e diverso da te?


Cos’è che allora fa la differenza tra l’essere lontani o vicini? Guardate quest’uomo: un pagano, di professione soldato, con armi alla mano com’era d’obbligo in pubblico per i centurioni del tempo, va incontro a Gesù per supplicarlo di guarire il suo servo. Il testo dice che “lo scongiurava”. Notate il verbo: è all’imperfetto, esprime un’azione ininterrotta, durevole, ed è messo lì per dirci che ce la stava mettendo tutta per convincere Gesù a intervenire. Con insistenza e fiducia.

Ecco: essere vicini vuol dire fidarsi, costruire ponti, tessere dialogo. Al contrario, ciò che ci allontana dagli altri (è talvolta persino da Dio) è la diffidenza, che innalza muri e ti chiude a riccio perché ti fa vedere l’altro come una minaccia o perlomeno un incomodo. In ogni caso un estraneo.


Qui nel Vangelo la fiducia fa un salto di qualità. Smontati i pregiudizi, ti apre gli occhi e diventa fede. Questo è ciò che sperimenta il centurione, fino a riconoscere che Gesù, il taumaturgo ebreo tanto acclamato dalle folle, è “il Signore”, sebbene possiamo facilmente supporre che poco sapesse dell’attesa del Messia.


Il suo ragionare, tipico dell’ambiente militare, stila un’autentica professione di fede: c’è una gerarchia, a più livelli, e a più livelli c’è un capo che comanda e un subalterno che deve obbedire. Tu, Gesù, sei il “Signore”, ‘il capo dei capi’, e dunque hai il potere di esercitare la tua autorità sulle malattie, operando guarigioni anche a distanza. Una distanza che sembra voglia mantenere per “indegnità”: “Io non sono degno che tu entri sotto il mio tetto, ma di’ soltanto una parola e il mio servo sarà guarito.”


Ecco come fiorisce la fede: con garbo, finezza e umiltà. Direi anche con singolare agilità perché, pur facendoci sentire perennemente inadeguati, ci spinge a osare, a farci avanti, a insistere, soprattutto quando siamo sospinti dalla necessità di aiutare qualcuno che ci sta a cuore e forti nella certezza che a Lui basti dire solo una parola per mettere a posto le cose.

Allora, fin dall’inizio di questo tempo d’Avvento, meditiamo su quest’uomo d’armi conquistato alla fede, su come abbia estratto dal fodero l’unica arma spuntata che è bene stringersi al fianco: la fede, appunto. Facciamocelo amico.

In fondo un po’ già lo siamo, dal momento che ad ogni Messa, lasciandoci ispirare dalla sua stessa invocazione, diciamo: “O Signore, non sono degno di partecipare alla tua mensa, ma di’ soltanto una parola e io sarò salvato”.

228 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

"Immacolata"