strisciablog.jpg
Cerca
  • Comunità dell'Eremo

“I segni del Cielo”


Dal Vangelo secondo Luca

Lc 12,54-59

In quel tempo, Gesù diceva alle folle:

«Quando vedete una nuvola salire da ponente, subito dite: “Arriva la pioggia”, e così accade. E quando soffia lo scirocco, dite: “Farà caldo”, e così accade. Ipocriti! Sapete valutare l’aspetto della terra e del cielo; come mai questo tempo non sapete valutarlo? E perché non giudicate voi stessi ciò che è giusto?

Quando vai con il tuo avversario davanti al magistrato, lungo la strada cerca di trovare un accordo con lui, per evitare che ti trascini davanti al giudice e il giudice ti consegni all’esattore dei debiti e costui ti getti in prigione. Io ti dico: non uscirai di là finché non avrai pagato fino all’ultimo spicciolo».

Ricordo, da bambina, che la sera, soprattutto d’inverno, stavamo tutti appiccicati davanti alla tv per vedere Il tempo in Italia con le previsioni meteo del colonnello Bernacca. E mio padre puntualmente zittiva la noia delle nostre chiacchiere di sottofondo dicendo: “Da grandi capirete quanto è importante conoscere il tempo per organizzare bene il lavoro dell’indomani!”.

Oggi capisco che aveva ragione! E non solo pensando al colonello Bernacca.


Quanto è importante conoscere il tempo che vivi e discernere i segni che, strada facendo, il Signore ti pone dinanzi perché tu possa capire “ciò che è giusto”!

Lo ribadisce oggi Gesù in questo vangelo.

E nel dirlo, la sua ironia ci provoca: insomma, siete tutti bravi a fare il colonnello Bernacca, ma quando si tratta di discernere il tempo presente, fate finta di non capire, lasciate cadere l’opportunità di dare una risposta a Dio. Non vedete perché non volete vedere. Non sentite perché non volete ascoltare. Eppure, quello che state vivendo qui, oggi, attraverso me, è il kairòs, che è il tempo opportuno in cui Dio ti dà una chance imperdibile per convertirti davvero. Se fai finta di non capire, sei un ipocrita perché oggi hai un segno evidente davanti a te, e sono io che ti parlo!


Credo, a questo punto, che anche noi dobbiamo riconoscere la nostra ignoranza colpevole. Ogni giorno il Signore, attraverso le piogge e lo scirocco della vita, ci offre dei segni evidenti che dicono: cambia, datti una mossa, fai qualcosa per evitare il disastro che vivi!

E la breve parabola che segue in questo vangelo ci mette davvero alle strette. Abbiamo dei debiti - dice Gesù - e per questi debiti saremo presto trascinati in tribunale. Non sarebbe meglio patteggiare, trovare un accordo con il creditore ed evitare così la prigione per estinguere la pendenza finanziaria?

Fuor di metafora: meglio convertirsi per tempo, qui, ora, prima che sia troppo tardi!

181 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

LA PAROLA DEL GIORNO

leggi | ascolta | rifletti | prega

icona-whatsapp-300x300.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nel gruppo "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link. Nota: per rendere più agevole e discreto il servizio, non è prevista la possibilità di chattare con i membri del gruppo. Iscriviti solo se sei davvero interessato/a al commento della Parola.

Il tuo modulo è stato inviato!