top of page
strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

"Gesù guarì molti"


Mi colpisce l’agire immediato, autorevole, deciso di Gesù perché ancora una volta mi dice che il suo venire è salvezza, qui, ora, nel tempo che vivo.


Dal Vangelo secondo Luca

Lc 7,19-23


In quel tempo, Giovanni chiamati due dei suoi discepoli li mandò a dire al Signore: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?».

Venuti da lui, quegli uomini dissero: «Giovanni il Battista ci ha mandati da te per domandarti: “Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?”».

In quello stesso momento Gesù guarì molti da malattie, da infermità, da spiriti cattivi e donò la vista a molti ciechi. Poi diede loro questa risposta: «Andate e riferite a Giovanni ciò che avete visto e udito: i ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciata la buona notizia. E beato è colui che non trova in me motivo di scandalo!».

 

«Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?»: a questa domanda Gesù, almeno qui nel vangelo di Luca, non risponde con delle parole. Non dice né sì né no. Mostra invece con i fatti di essere “colui che deve venire”.

Notate: «In quello stesso momento Gesù guarì molti da malattie, da infermità, da spiriti cattivi e donò la vista a molti ciechi».

“In quello stesso momento”: considerate la contemporaneità tra la domanda un po’ provocatoria dei discepoli di Giovanni e l’azione “terapeutica” del Signore. Mi colpisce questo suo agire immediato, autorevole, deciso perché ancora una volta mi dice che il suo venire è salvezza, qui, ora, nel tempo che vivo.


Vedete, di promesse verbali ne sentiamo tante e, diciamola tutta, ne facciamo anche tante. Ne siamo così assuefatti da essere diventati molto diffidenti e disincantati. E lo siamo a tal punto che persino dinanzi alla Parola del Signore e alle sue promesse di salvezza restiamo come sospesi, perennemente in bilico.


Che fare per sradicare dal cuore e dalla mente questa nostra diffidenza?

Qui nel vangelo non sembra esserci una risposta esplicita, ma la si intuisce dalle parole di Gesù: «Andate e riferite a Giovanni ciò che avete visto e udito». Ecco: i discepoli di Giovanni “hanno visto e udito”. È questo “vedere” e “udire” ciò di cui abbiamo bisogno per abbattere i muri della diffidenza.


Sì, ammettiamolo, abbiamo una miopia grave, un difetto visivo marcato, e siamo sordi. Sulla nostra sordità poi, mi permetto di aggiungere un proverbio: “non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire”. Questo per dire che la nostra diffidenza talvolta maschera mali più grandi: l’apatia, l’ambiguità, la volontà decisa di dire “no, non m’interessa”.

E anche se non fossimo conciati così…un salto di 'qualità' va fatto in ogni caso!

Saremo davvero beati se, percependoci per quello che siamo, ciechi e sordi, non troveremo in Lui motivo di scandalo, ossia “non sperimenteremo una caduta di fede”, ma sapremo stare lì dinanzi al Signore in attesa fiduciosa di essere guariti.


Mi direte: ma ci vuole una fede grande per farlo! È vero, e la fede è un dono di Dio.

Ma ci vuole anche una buona dose di disponibilità ad uscire fuori dai noi stessi, a metterci onestamente in discussione, a dare un po’ di credito a Dio. Soprattutto è necessario coltivare un’interiorità profonda, dentro la quale lo Spirito Santo ci insegnerà ogni cosa, soprattutto c’insegnerà a fidarci di Dio.

E lì vedremo, udiremo …e saremo salvati!


209 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Terapia d'urto

bottom of page