top of page
strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Immagine del redattoreComunità dell'Eremo

Perché digiunare?



Riscopriamo i tanti buoni motivi del digiuno quaresimale.


Dal Vangelo secondo Matteo

Mt 9,14-15


In quel tempo, si avvicinarono a Gesù i discepoli di Giovanni e gli dissero: «Perché noi e i farisei digiuniamo molte volte, mentre i tuoi discepoli non digiunano?».

E Gesù disse loro: «Possono forse gli invitati a nozze essere in lutto finché lo sposo è con loro? Ma verranno giorni quando lo sposo sarà loro tolto, e allora digiuneranno».

 

Dopo i farisei che accusano Gesù di mangiare con i pubblicani e i peccatori, è la volta dei discepoli di Giovanni che muovono invece una contestazione basata sul confronto tra loro e i farisei che digiunano continuamente e i suoi discepoli che invece non digiunano.


Il digiuno era una pratica che contraddistingueva i gruppi spirituali più impegnati del tempo e in particolare di coloro che seguivano lo stile del profeta del deserto, il Battista, “che non mangia e non beve”. Questa pratica austera era un segno di conversione, di mortificazione, ma anche una sorta di rinuncia per placare Dio a causa dei peccati commessi.


Ora Gesù si discosta da questa tradizione religiosa non perché contesti il digiuno come tale (anzi!), ma per quello che c’era sotto: una modalità distorta nel praticarlo e soprattutto per quello che poteva ingenerare, ossia una sorta di autoesaltazione fuorviante (cfr. Mt 6,16-18).


Tuttavia qui, in particolare, giustificando il comportamento dei discepoli, Gesù ne sospende la pratica per un tempo preciso: «finché lo sposo è con loro».


E lo sposo è Lui.

“Verranno giorni”, dice alludendo alla sua passione e alla sua morte, in cui i miei discepoli saranno in lutto, afflitti perché sarà loro tolto lo sposo. In quei giorni sentiranno nel cuore la sofferenza di questo distacco. E sembra voglia dire ancora: sarà soprattutto questo distacco il loro digiuno. Non un semplice languore di pancia che prima o poi trova ristoro nel cibo, ma la mancanza della mia presenza visibile.


A che serve allora il digiuno oggi per noi?

Lo Sposo c’è, altroché! Ed è risorto. Digiunano gli occhi, privati della sua presenza visibile, ma il cuore è perennemente sazio di gioia perché Lui è con noi tutti i giorni fino alla fine del mondo (Mt 28,20).


Quindi qual è il senso del nostro digiuno quaresimale? Non è certo una prestazione ascetica da ostentare con orgoglio, né una bigotta astinenza per imbonire il nostro Dio. Sarebbe ridicolo solo pensarlo. Il digiuno ci ricorda piuttosto qual è la nostra vera fame: fame di Lui, della Sua Parola e della Sua presenza; e ci aiuta a riordinare la nostra vita riconducendola all’essenziale; ci stimola a educare i nostri desideri orientandoli verso l’unico bene assolutamente necessario; e soprattutto ci fa sentire nella nostra carne la fame dei poveri. Non per attizzare falsi pietismi ma per aiutarci a trasformare i ‘nostri’ beni in beni ‘comuni’, condivisi. Perché nessuno sia nel bisogno e tutti si sentano “amici dello Sposo”.

240 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page