strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

Dalla parte degli esclusi


Dal Vangelo secondo Luca

Lc 14,12-14

In quel tempo, Gesù disse al capo dei farisei che l’aveva invitato: «Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici né i tuoi fratelli né i tuoi parenti né i ricchi vicini, perché a loro volta non ti invitino anch’essi e tu abbia il contraccambio. Al contrario, quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti».

 

Al tempo di Gesù era molto diffusa l’usanza di scambiarsi inviti a pranzo tra persone dello stesso ceto. I poveri, sebbene fosse un onore fare loro la carità, erano esclusi da questi banchetti d’élite. Anzi, invitare un povero alla propria mensa significava identificarsi con la sua condizione e questo era ritenuto un disonore, per sé e per la propria famiglia.

Immaginate dunque quanto sconcerto provochi questa proposta di Gesù: invita poveri, storpi, zoppi, ciechi”. E nel dirlo insiste sul principio di gratuità.


Ma per capirlo bisogna scavare a fondo nel testo, perché a primo acchito sembrerebbe che Gesù ci suggerisca di stare dalla parte degli esclusi – poveri, storpi, zoppi, ciechi – per ottenere una ricompensa da Dio. Ma farsi strada nel regno dei cieli servendosi dei poveri non è un po’ subdolo? Che fine ha fatto la gratuità? “Fai strada ai poveri senza farti strada”, diceva don Lorenzo Milani.

Scaviamo a fondo perché è proprio di gratuità che Gesù sta parlando. Non dice: invita i poveri per ottenere una ricompensa da Dio, ma invita i poveri “perché non hanno da ricambiarti”. Ossia: organizza la tua vita come un banchetto di gratuità, senza calcoli né vantaggi. Non do ut des, “io do affinché tu dia”, ma do e basta, per amore, come fa Dio con noi.

Che poi questa gratuità ci apra i tesori del regno è una conseguenza dell’amore: staremo lì dove avremo scelto di stare, nell’amore; staremo con chi avremo scelto di stare, con Dio, che è amore.

206 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

"Immacolata"