strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

Con Pietro e come Pietro



SOLENNITÀ DEI SANTI PIETRO E PAOLO

Dal Vangelo secondo Matteo

Mt 16,13-19

In quel tempo, Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «La gente, chi dice che sia il Figlio dell'uomo?». Risposero: «Alcuni dicono Giovanni il Battista, altri Elìa, altri Geremìa o qualcuno dei profeti».

Disse loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente».

E Gesù gli disse: «Beato sei tu, Simone, figlio di Giona, perché né carne né sangue te lo hanno rivelato, ma il Padre mio che è nei cieli. E io a te dico: tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le potenze degli inferi non prevarranno su di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli: tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli».

 

Chiariamo subito: a fondamento della Chiesa c’è Cristo, che è “roccia” e “pietra angolare”. La roccia è stabile, inamovibile; la pietra d’angolo è preziosa, di essa non si può fare a meno altrimenti una casa non si regge. Su Cristo-roccia e pietra angolare si poggia la fede professata da Pietro, a cui il Padre che è nei cieli ha rivelato che Gesù è “il Cristo, il Figlio del Dio vivente”.


L’apostolo Pietro dunque – a cui Gesù dice: “su questa pietra edificherò la mia Chiesa”è “pietra viva di costruzione” posta sulla roccia che è Cristo.

E chi, come Pietro e con Pietro, professa questa stessa fede e si poggia saldamente su Cristo-roccia e viene impiegato come pietra viva per la costruzione di un edificio spirituale (Cfr. 1Pt, 2,4-5).

È Cristo-roccia che rende incrollabile la Chiesa. È su di Lui che noi tutti ci reggiamo in modo stabile, non su noi stessi. Sentiamoci dunque semplicemente pietre vive di costruzione, e non perché siamo perfetti. Pietre vive, perché “graziati” da Dio.

Anche “Simone, figlio di Giona”, che è la pietra su cui Gesù edificherà la sua Chiesa, diventa “Pietro” non grazie ai suoi sforzi umani, ma perché il Padre gli ha soffiato all’orecchio la risposta da dare a Gesù. La sua fragile umanità – carne e sangue – non ci sarebbe arrivata da sola.

“Simone, figlio di Giona”, che sarà “pescatore di uomini”, è stato pescato da Dio, e noi con lui.

Sempre per dono gratuito e non per merito, Dio ha messo nelle sue mani le chiavi del regno dei cieli, dandogli il potere di sciogliere e di legare.


Come vi dicevo tempo fa, consegnare le chiavi e dare il potere di sciogliere e legare significa affidare a un altro la gestione della propria casa. In particolare, sciogliere e legare vuol dire affidare a Pietro l’incarico di insegnare e guidare, trasmettere e spiegare con autorità. Non fraintendiamo, dunque: avere le chiavi in mano, per Pietro, non sarà mai sinonimo di potere né indice di perfezione ma di servizio e di perenne conversione. Solo così è davvero segno di amore e vincolo di unità.


Pietro, a cui Gesù consegna le chiavi di casa, è e rimane quel “Simone, figlio di Giona” che dovrà convertirsi ogni giorno. Tale padre, tale figlio: chi è infatti Giona? È l’unico profeta dell’Antico Testamento così testardo da fare esattamente il contrario di ciò che Dio gli aveva chiesto. Solo più tardi si convertirà, e solo dopo aver sperimentato il fallimento, l’angoscia e l’oscurità nel ventre del pesce, come leggiamo nel testo biblico:


«Dal ventre del pesce Giona pregò il Signore suo Dio e disse:

“Nella mia angoscia ho invocato il Signore

ed egli mi ha esaudito;

dal profondo degli inferi ho gridato

e tu hai ascoltato la mia voce. […]

Quando in me sentivo venir meno la vita,

ho ricordato il Signore. […]

Quelli che servono idoli falsi

abbandonano il loro amore.

Ma io con voce di lode offrirò a te un sacrificio

e adempirò il voto che ho fatto;

la salvezza viene dal Signore.”»

(Gn 2,1ss)


All’anagrafe siamo tutti figli di Giona e per tornare a Dio, come Giona, dobbiamo anche noi sperimentare un pentimento sincero nel ventre dei nostri fallimenti. Solo così il Signore potrà riportarci “sulla spiaggia”, come fece con il profeta, e da lì farci rivivere. Da lì ricominciare.

Lo ha fatto Giona. Lo farà Pietro dopo il suo triplice rinnegamento. Lo fa ogni giorno la Chiesa, santa e peccatrice.

228 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti