strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

Con la cenere sul capo invochiamo la pace


MERCOLEDÌ DELLE CENERI

Dal Vangelo secondo Matteo

Mt 6,1-6.16-18

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c'è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli.

Dunque, quando fai l'elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipòcriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, mentre tu fai l'elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.

E quando pregate, non siate simili agli ipòcriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.

E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipòcriti, che assumono un'aria disfatta per far vedere agli altri che digiunano. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu digiuni, profùmati la testa e làvati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà».

 

“Verranno giorni – dice il Signore – in cui io manderò la fame nel paese, non fame di pane né sete di acqua, ma di ascoltare la parola del Signore” (Am 8,11).

Ecco la Quaresima: il Signore ci manda una fame che non ammette digiuno, fame di ascoltare la Sua Parola.


Oggi più che mai siamo disorientati e turbati. Soprattutto ci sentiamo fin troppi sazi di parole vuote di senso, biascicate, urlate, gettate al vento, sprecate e vendute al miglior offerente. Parole che seminano morte o che sulla morte tessono trame di potere, sprezzanti del lutto e delle lacrime di tanti innocenti. Parole superficiali, inutili, che puntualmente cadendo a grappolo tra le chiacchiere infinite creano un vuoto ancora più grande. Parole, solo parole. Che non sfamano, non dissetano e non portano pace. Parole che incipriano d’apparenza le nostre vite, mentre noi ci affanniamo a nascondere le rughe della nostra ‘vecchiezza’ cominciata nel momento stesso in cui abbiamo anestetizzato la fame di Dio e il desiderio di cercarlo e cercarlo ancora dopo averlo trovato.

E intanto camminiamo claudicanti lungo le vie della giustizia e ci sentiamo mortificati dall’iniquità di parole che smentiscono la nostra fede. Come rassegnarci dinanzi agli eserciti e alle armi? Inutili, surreali e rivoltanti sono ancora una volta le parole degli uomini che persino in nome di Dio sporcano il Vangelo benedicendo una ‘farsa’ – con vittime vere e vero pianto! – dietro la quale nascondono interessi che non sono quelli di Dio.


Venga dunque la Quaresima ad esigere una profonda purificazione delle nostre coscienze!


È tempo di fare verità in noi stessi, smettendo di confezionare parole e gesti per il mercato dell’effimero, lì dove l’unica cosa che conta è il potere, l’ammirazione degli uomini, i riconoscimenti, la visibilità, il far proseliti. E tutto è in svendita, persino la nostra fede, che si prosciuga nella ricerca affannosa di ricompense immediate, a caccia spasmodica di like, di followers, di poltrone, di favori e d’amici con i quali magari non hai neanche incrociato lo sguardo. Anche questa è una misera guerra che spara a raffica sui rapporti, sui sentimenti. Con che guadagno poi?


Grazie a Dio, dirimpettaia di questi banali, meschini guadagni è la ricompensa che il Padre ci offre se diamo ascolto alla Sua Parola e la mettiamo in pratica, liberando il cuore dalla vanagloria che si nutre dell’infido e insaziabile desiderio di mettersi in mostra.


Il Vangelo di oggi ripete per ben sette volte la parola “ricompensa”: gli ipocriti l’hanno già ricevuta; chi invece pratica la giustizia e fa l’elemosina in segreto l’attende solo da Dio, così anche chi digiuna senza attrarre l’attenzione degli altri. È un mondo capovolto quello che Gesù ci prospetta. Non facile, visto che siamo un po’ tutti nell’altro emisfero, ma non impossibile.


A partire dunque dalla sfida di questo tempo quaresimale, facciamo un primo sano gesto di autentica conversione – diciamo un seme, un segno! – accogliendo la fame che Dio manda, fame di ascoltare la Sua Parola, fame della Sua ricompensa.


Naturalmente su ogni altro appetito scriviamo la parola “digiuno” e teniamo aperto il cuore per fare del bene senza suonare la tromba. E preghiamo, nel segreto, in camera, lì dove a vederci è solo il Signore, ma preghiamo anche con gli altri, divenendo coralmente un’unica voce che invochi la pace.


Buona Quaresima!

367 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

"La mia pace"