strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

Come ciottoli di fiume


Dal Vangelo secondo Matteo

Mt 6,19-23


In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Non accumulate per voi tesori sulla terra, dove tarma e ruggine consumano e dove ladri scassìnano e rubano; accumulate invece per voi tesori in cielo, dove né tarma né ruggine consumano e dove ladri non scassìnano e non rubano. Perché, dov’è il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore.

La lampada del corpo è l’occhio; perciò, se il tuo occhio è semplice, tutto il tuo corpo sarà luminoso; ma se il tuo occhio è cattivo, tutto il tuo corpo sarà tenebroso. Se dunque la luce che è in te è tenebra, quanto grande sarà la tenebra!».

 

Quando leggo questo brano penso spesso a Giobbe, che nella Bibbia è emblema dell’uomo comune che all’improvviso viene colpito da una serie di disgrazie. Spogliato di tutto – beni, figli, salute – va in cerca di risposte che diano senso al suo dolore. Mentre rumina con affanno gli eventi che vive, ad un certo punto esclama:


“Se stimerai come polvere l'oro

e come ciottoli dei fiumi l'oro di Ofir,

allora l'Onnipotente sarà il tuo oro,

sarà per te come mucchi d'argento.

Allora sì, nell'Onnipotente ti delizierai

e a Dio alzerai il tuo volto” (Gb 22,24-26).


È proprio ciò che oggi dice Gesù: fai una stima, dai un giusto valore alle cose. Ci sono beni di terra che marciscono e possono essere depredati, beni che scivolano via come i ciottoli trascinati dalla corrente del fiume, e ci sono beni duraturi, di cielo, che sono preziosi per sempre. Beni che nessuno può sottrarti.


Valuta dunque, discerni: cos’è che è bene accumulare davvero?

Giobbe fa una scelta: “Dio è il mio oro! E io potrò gioire in Lui guardandolo in faccia, come fa un amico”.


Anche noi dobbiamo fare una scelta. In giro ci sono tanti dispenser che erogano felicità immediate, ma terribilmente fluide: successo in tempi brevi, guadagni a portata di mano, soluzioni quasi magiche ad ogni problema. In realtà, così non è perché, per ottenerli, sei costretto a mettere un’ipoteca sulla tua anima. Quando poi pensi di averli finalmente ottenuti, scivolano via trascinati dalla corrente della tua perenne insoddisfazione, perché niente delle cose ti basta davvero e tu vuoi sempre avere di più.


Non solo: anche il poco o molto che tu chiami “tesoro” e che pensi di poter tenere al sicuro nella cassaforte del cuore, prima o poi deve fare i conti con la ruggine. E la ruggine è anche semplicemente il tempo che passa: non c’è niente che duri davvero in eterno se non quel tesoro che hai accumulato per il cielo.

Accumuliamo dunque, ma solo quei beni per i quali vale la pena rinunciare a tutto il resto. E mi auguro che il nostro sguardo sappia riconoscerli e il cuore custodirli.


Una mistica del secolo scorso, Franziska Streitel, donna di acuta intelligenza e interiorità profonda, diceva (ed è un feedback che calza a pennello con questo Vangelo!): “L’umanità nasconde in sé due gioielli e così raramente se ne apprezza il valore. Sono il povero ed il malato, attraverso i quali noi potremo arricchirci con i tesori più preziosi del tempo e dell'eternità”. Se ce ne prendiamo cura “con amore e gentilezza”, imitiamo Cristo “che si nasconde sia nell’uno che nell’altro”. E poi aggiunge: “Che i poveri gioiscano sempre della nostra amicizia”.


Statene certi: nella loro gioia, che dipende del riconoscerli, servirli e custodirli come gioielli, ci sarà anche la nostra. E nel nostro donarci, un tesoro che s’accumula in cielo.

326 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

"Immacolata"