strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

Il canto del gallo non m’inquieta più


Dal Vangelo secondo Giovanni

Gv 21,15-19


In quel tempo, quando [si fu manifestato ai discepoli ed] essi ebbero mangiato, Gesù disse a Simon Pietro: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami più di costoro?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pasci i miei agnelli».

Gli disse di nuovo, per la seconda volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi ami?». Gli rispose: «Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene». Gli disse: «Pascola le mie pecore».

Gli disse per la terza volta: «Simone, figlio di Giovanni, mi vuoi bene?». Pietro rimase addolorato che per la terza volta gli domandasse "Mi vuoi bene?", e gli disse: «Signore, tu conosci tutto; tu sai che ti voglio bene». Gli rispose Gesù: «Pasci le mie pecore. In verità, in verità io ti dico: quando eri più giovane ti vestivi da solo e andavi dove volevi; ma quando sarai vecchio tenderai le tue mani, e un altro ti vestirà e ti porterà dove tu non vuoi».

Questo disse per indicare con quale morte egli avrebbe glorificato Dio. E, detto questo, aggiunse: «Seguimi».

 

Tutti, come Pietro, teniamo tra le mani i tre cocci acuminati e taglienti del rinnegamento. Li abbiamo sotto gli occhi ogni giorno e ci ricordano la fragilità spezzata della nostra mancata fedeltà all’amore del Signore. E pesano, pesano come un macigno. Soprattutto graffiano il cuore e amplificano nella nostra coscienza il canto del gallo (Mc 14,68), che ci ricorda chi siamo e c’induce a fare verità dentro di noi.

E questo fa un gran bene!


Attenti, però: noi non siamo solo quei tre cocci ridotti a frammento, anche se strada facendo abbiamo negato con la nostra incoerenza d’essere discepoli e amici di Cristo, anche se a chi voleva coinvolgerci - “Anche tu eri con Gesù!” (Cfr. Mt 26,69-74) - abbiamo detto: “Non conosco quell’uomo”.

E che non siamo solo cocci spezzati lo attesta la confessione di amore scandita oggi dall’apostolo Pietro che per tre volte dice a Gesù: “Ti voglio bene”.


Siamo capaci di scappare, di tradire, di fuggire dall’amore, ma siamo anche pronti a riprenderci in mano, intatta e rinnovata, la fedeltà che abbiamo negato. E siamo capaci di provare dolore e vergogna, ma anche di ricominciare, di riprovarci ogni giorno. Senza presumere di restare in piedi e di poterlo fare con le nostre forze. E questo ci rende più autentici, liberi, umili.

Nel cuore, alla fine, resta solo una grande certezza: “Signore, tu conosci tutto”. Sai come sono fatta. E sai come vorrei essere.


E mentre ripenso ai tre cocci che ho consegnato con fiducia alla sua misericordia, io so già che anche oggi Lui mi dirà: “Seguimi”. E questo mi dà l’audacia di pascolare ancora le sue pecore e pascere i suoi agnelli, prendendomene cura, custodendoli, nutrendoli con la sua Parola.


Finalmente il canto del gallo non m’inquieta più perché la verità verso cui ora il Signore mi spinge a guardare è un’altra: “la carità copre una moltitudine di peccati” (1Pt 4,8).

184 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

"Immacolata"