strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

“Bisogna che io cammini oggi, domani e dopodomani”


Dal Vangelo secondo Luca

Lc 13,31-35


In quel momento si avvicinarono a Gesù alcuni farisei a dirgli: «Parti e vattene via di qui, perché Erode ti vuole uccidere».

Egli rispose loro: «Andate a dire a quella volpe: “Ecco, io scaccio demòni e compio guarigioni oggi e domani; e il terzo giorno la mia opera è compiuta. Però è necessario che oggi, domani e il giorno seguente io prosegua nel cammino, perché non è possibile che un profeta muoia fuori di Gerusalemme”.

Gerusalemme, Gerusalemme, tu che uccidi i profeti e lapidi quelli che sono stati mandati a te: quante volte ho voluto raccogliere i tuoi figli, come una chioccia i suoi pulcini sotto le ali, e voi non avete voluto! Ecco, la vostra casa è abbandonata a voi! Vi dico infatti che non mi vedrete, finché verrà il tempo in cui direte: “Benedetto colui che viene nel nome del Signore!”».

 

Alla minaccia di Erode Gesù risponde manifestando con forza la necessità di adempiere la sua missione: “È necessario che oggi, domani e il giorno seguente io prosegua nel cammino, perché non è possibile che un profeta muoia fuori di Gerusalemme”.

Ormai è giunto a un punto di svolta. La meta del suo viaggio è Gerusalemme, verso cui s’incammina deciso, meglio, “indurendo il volto”, come si legge nel testo originale greco (Lc 9,51). Lì dove “durezza” esprime fedeltà, quella dello Sposo alla sposa, sempre, nonostante fughe e tradimenti.


A che serve dunque, anche a noi, tergiversare nella palude dei “se” e dei “ma”?

Prendiamo una decisione ferma, senza ritorni né rimpianti, consapevoli che anche per noi Gerusalemme è il compimento di una missione, il senso stesso della nostra vita: “è sufficiente per il discepolo diventare come il suo maestro” (Mt 10,24). Noi – tutti - possiamo farlo a patto che corriamo il rischio di una scelta definitiva, fatta anche di passaggi faticosi ma necessari. Sempre liberi, via via più responsabili e determinati a puntare in alto.

Non importa se la nostra decisione richieda più tempo del previsto e maturi più tardi: c’è spazio anche per i ritardatari. Purché la necessità di dover ancora maturare non diventi un alibi per non decidere mai.

Mettiamoci in cammino, senza voltarci indietro, distratti e ammaliati dal luccichìo appariscente di cose vuote, relative, che danno gioie passeggere, ma lasciano sempre insoddisfatti e avidi d’altro, d’altro e d’altro ancora. Camminiamo invece senza sosta, passo dopo passo, con la gioia della vetta che ci attende, costi quel che costi: “Bisogna che io cammini oggi, domani e dopodomani”, dice Gesù (Lc 13,33).

Diamo voce alla Parola, con franchezza e scelte di vita coraggiose.

Non importa se lungo la strada impatteremo nell’amarezza del rifiuto: gli altri hanno il diritto di pensarla diversamente da noi. E noi del resto non sappiamo cosa passi loro nel cuore.


Quindi non arrenderti mai!

251 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

"Immacolata"