strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

Accogliere Lazzaro, ospitare Dio


Dal Vangelo secondo Luca

Lc 16,19-31


In quel tempo, Gesù disse ai farisei: «C'era un uomo ricco, che indossava vestiti di porpora e di lino finissimo, e ogni giorno si dava a lauti banchetti. Un povero, di nome Lazzaro, stava alla sua porta, coperto di piaghe, bramoso di sfamarsi con quello che cadeva dalla tavola del ricco; ma erano i cani che venivano a leccare le sue piaghe. Un giorno il povero morì e fu portato dagli angeli accanto ad Abramo. Morì anche il ricco e fu sepolto. Stando negli inferi fra i tormenti, alzò gli occhi e vide di lontano Abramo, e Lazzaro accanto a lui. Allora gridando disse: Padre Abramo, abbi pietà di me e manda Lazzaro a intingere nell'acqua la punta del dito e a bagnarmi la lingua, perché soffro terribilmente in questa fiamma. Ma Abramo rispose: Figlio, ricòrdati che, nella vita, tu hai ricevuto i tuoi beni, e Lazzaro i suoi mali; ma ora in questo modo lui è consolato, tu invece sei in mezzo ai tormenti. Per di più, tra noi e voi è stato fissato un grande abisso: coloro che di qui vogliono passare da voi, non possono, né di lì possono giungere fino a noi. E quello replicò: Allora, padre, ti prego di mandare Lazzaro a casa di mio padre, perché ho cinque fratelli. Li ammonisca severamente, perché non vengano anch'essi in questo luogo di tormento. Ma Abramo rispose: Hanno Mosè e i Profeti; ascoltino loro. E lui replicò: No, padre Abramo, ma se dai morti qualcuno andrà da loro, si convertiranno. Abramo rispose: Se non ascoltano Mosè e i Profeti, non saranno persuasi neanche se uno risorgesse dai morti».

 

Con la morte tutto sembra finire: lo sfarzo opulento del ricco vestito da re e la lenta agonia del povero rivestito di piaghe. Totò aveva immaginato questo ‘momento alto’ della vita nel dialogo tra uno spocchioso e ricco blasonato – “il Signor Marchese” - e un povero netturbino – Gennaro Esposito – entrambi morti e tumulati nel cimitero l’uno accanto all’altro: Muorto si’ tu e muorto so’ pur’io – dice Gennaro, che aveva un nome come Lazzaro, al Signor Marchese, che tutto aveva tranne un nome. Per poi aggiungere: ‘A morte ‘o ssaje ched”e?…è una livella.


Sembrerebbe, a prima vista, che la morte livelli davvero lo scarto delle differenze, ma così non è, almeno agli occhi di Dio. Al contrario, le differenze cresciute nel tempo, dopo la morte acquistano un sapore eterno. Ribaltandosi però, come nel caso del ricco epulone e del povero Lazzaro in cui è netto il capovolgimento delle sorti. Non perché la ricchezza goduta in questa vita scavi “un grande abisso” nell’altra, ma perché i beni non condivisi, trattenuti nella cassaforte dell’indifferenza, ostruiscono la carità e induriscono il cuore, fino a farci schiattare stroncati dal più cieco egoismo. Cieco, sì cieco, come la cecità del ricco epulone che, pur sapendo di Lazzaro e della sua indigenza - lo chiamerà per nome, da morto! – in vita non aveva avuto per lui né occhi di compassione né sguardo di tenerezza.

Eppure Lazzaro “stava alla sua porta”. A lui vicino, a lui fratello. Ai suoi confini, sulla soglia del cuore. Ma quella porta – ecco la cecità – era chiusa perché chiuso era il cuore.


Attenzione però: Gesù è “ai cinque fratelli” del ricco epulone che vuole mandare un segnale, a quelli che ancora quella porta possono aprirla e convertirsi. Sto parlando di me e di te, che forse banchettiamo lautamente ogni giorno ingozzandoci d’indifferenza mentre sulla soglia di casa nostra giace un povero cristo affamato di cure. Anzi, traduciamo a colori più vividi: non semplicemente “giace”, ma “è stato buttato lì”, come un oggetto, uno scarto, un uomo ridotto a cosa e buttato lì dalla nostra avidità colpevole che rifiuta di coniugare il verbo condividere.


Manda Lazzaroa casa di mio padre, perché ho cinque fratelli – dice per ben due volte il ricco epulone implorando il Padre Abramo nella speranza che l’apparizione di un morto potesse scuotere la coscienza dei suoi familiari.

Grande ironia!

“Manda Lazzaro”…ma se non lo hanno né visto né accolto da vivo, se non hanno ascoltato e obbedito alla Parola di Dio, come potranno ora persuadersi e convertirsi?


Lazzaro è tra noi, ora. Apriamo gli occhi, ascoltiamo! Che la Parola di Dio ci dia il coraggio di aprire la porta di casa a colui che “giace” rivestito di piaghe. Piaghe diventate virulente per l’iniquità di chi tratta il fratello come scarto mentre banchetta con ingordigia arraffando ciò che non gli appartiene.


Oggi più che mai accogliere Lazzaro è ospitare Dio. Ai nostri confini, sulla soglia di casa, mentre vi scrivo bussano e premono più di due milioni di profughi e ogni minuto un bambino diventa rifugiato.

“Signore, davvero ci stai mandando Lazzaro, vivo, per persuaderci!”.

206 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

"La mia pace"