strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

«È entrato in casa di un peccatore!»


Dal Vangelo secondo Luca

Lc 19,1-10

In quel tempo, Gesù entrò nella città di Gèrico e la stava attraversando, quand’ecco un uomo, di nome Zacchèo, capo dei pubblicani e ricco, cercava di vedere chi era Gesù, ma non gli riusciva a causa della folla, perché era piccolo di statura. Allora corse avanti e, per riuscire a vederlo, salì su un sicomòro, perché doveva passare di là.

Quando giunse sul luogo, Gesù alzò lo sguardo e gli disse: «Zacchèo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua». Scese in fretta e lo accolse pieno di gioia. Vedendo ciò, tutti mormoravano: «È entrato in casa di un peccatore!».

Ma Zacchèo, alzatosi, disse al Signore: «Ecco, Signore, io do la metà di ciò che possiedo ai poveri e, se ho rubato a qualcuno, restituisco quattro volte tanto».

Gesù gli rispose: «Oggi per questa casa è venuta la salvezza, perché anch’egli è figlio di Abramo. Il Figlio dell’uomo infatti è venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto».


 

Un apologo simpaticissimo: “In una scuola francese, una maestrina detta il Padre Nostro. Quando corregge i compiti, vuole segnare una croce rossa su un quaderno dov’era stato scritto: “Que ta volonté soit fête” che vuol dire: “che la tua volontà sia festa”. Stava per considerarlo un errore, ma poi si ferma esclamando: “No, non è uno sbaglio, è una stupenda interpretazione”.


Ecco il vangelo di oggi: Quando ci si scopre “salvati da Dio” e chiamati ad una vita nuova nella fede, è festa, come per Zaccheo che dalla piccolezza di una statura meschina risale la china dell’amore. E la sua vita cambia. E diventa gioia, gioia di recuperare la dignità perduta e di condividere il dono ricevuto.


E tutto questo accade perché, anche per la nostra vita, possiamo dire che Gesù deve passare di là e, come con Zaccheo, deve fermarsi in casa nostra: «Zacchèo, scendi subito, perché oggi devo fermarmi a casa tua».


L’ “Io devo” di Gesù è il “sì” alla sua missione di Salvatore, la dichiarazione costante della sua obbedienza al Padre. Egli deve cercare e salvare Zaccheo, deve cercare e salvare noi tutti, perché Dio aveva detto: “Radunerò io stesso il resto delle mie pecore da tutte le regioni dove le ho lasciate scacciare e le farò tornare ai loro pascoli; saranno feconde e si moltiplicheranno. Costituirò sopra di esse pastori che le faranno pascolare, così che non dovranno più temere né sgomentarsi; di esse non ne mancherà neppure una” (Ger 23, 3-4).



Che fare dunque?

Ripercorriamo a volo d’uccello i momenti cruciali della nostra vita. Il Signore ci è passato accanto e ci ha chiesto di entrare in casa nostra: consideriamo le nostre scelte di fede, annotiamo i nostri atteggiamenti.

Infine poi riproponiamo a noi stessi un cammino nuovo, ritmato su una fede che è “aprirsi, uscire da se stessi, fidarsi, obbedire, rischiare, mettersi in cammino verso le cose che non si vedono, assumere un atteggiamento di accoglienza operosa, che consente a Dio di fare storia insieme a noi, al di là delle umane possibilità” (CdA 88).


197 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

"Immacolata"