strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

“Nessuno dirà più: io sono malato” (Is 33,24)


15 dicembre 2021

Dal Vangelo secondo Luca

Lc 7,19-23


In quel tempo, Giovanni chiamati due dei suoi discepoli li mandò a dire al Signore: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?».

Venuti da lui, quegli uomini dissero: «Giovanni il Battista ci ha mandati da te per domandarti: “Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?”».

In quello stesso momento Gesù guarì molti da malattie, da infermità, da spiriti cattivi e donò la vista a molti ciechi. Poi diede loro questa risposta: «Andate e riferite a Giovanni ciò che avete visto e udito: i ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono purificati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunciata la buona notizia. E beato è colui che non trova in me motivo di scandalo!».

 

Giovanni, che era in prigione per aver denunciato la condotta immorale di Erode, viene a sapere dai suoi discepoli “delle opere del Cristo” (Mt 11,2). Certamente in cuore sarà rimasto almeno un po’ sconcertato, disorientato dalle notizie ricevute. Lui aveva predicato l’avvento di un messia rigoroso, deciso a scagliarsi severamente contro i malvagi e invece l’atteggiamento di Gesù scardina in radice le sue aspettative fino al punto che il tarlo del dubbio lo induce ad inviare i suoi discepoli per chiedergli: «Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?».


A questa domanda Gesù risponde con “le opere”: la guarigione dei ciechi, dei sordi, dei lebbrosi, degli storpi, la risurrezione dei morti e l’annuncio della buona notizia, tutti i segni della speranza predetti dal profeta Isaia e destinati a essere un’iniezione di fiducia per il popolo oppresso: “Nessuno nella città dirà più: io sono malato” (Is 33,24).

In qualche modo Giovanni, e non solo lui, è stato travolto dalla sorpresa di un Dio misericordioso che ha deciso di intervenire non per castigare ma per sanare, passando egli stesso attraverso la debolezza e muovendo il cuore alla compassione.


Forse la delusione di Giovanni talvolta è anche la nostra perché vorremmo un Dio più inflessibile con coloro che operano il male e più attento a togliere dai guai chi invece si sforza di seguirlo. Ma oggi Gesù dice ben altro e proclama beato colui che accoglie Dio così com’è – paziente e misericordioso! – e non come vorrebbe che fosse, più di parte e sempre a favore del giusto o per lo meno un Dio più incline a spalleggiare chi, come Giovanni, è tutto d’un pezzo.


La verità è che per Lui nessuno – e sottolineo nessuno! – deve più dire: “io sono malato!” Tutti cioè devono poter avere la grande opportunità di guarire, buoni o cattivi che siano, qualunque sia il male che li affligge, e soprattutto se la loro malattia si chiama peccato.


Dibattiamoci pure nelle nostre perplessità – anche questa è fede provata, quasi un passaggio obbligato! – ma sentiamo ancor più forte l’annuncio: “Tu non sei più malato!”. Forse il tuo fisico sì, lo sarà ancora, ma di certo c’è una salvezza anche per te, se la sai vedere e accogliere oltre i tuoi desideri, oltre le pieghe della tua fragilità, nel mistero stesso della tua esistenza.

Avvento allora è anche smettere di dire “non ce la faccio”, “non riesco”, “non posso”, “non vedo”, “non capisco”. La sua venuta contraddice e annulla ogni nostra negazione.

230 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

"Immacolata"