strisciablog.jpg
Cerca
  • Comunità dell'Eremo

"Bartimèo, amico mio"


XXX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO (ANNO B)

Dal Vangelo secondo Marco

Mc 10,46-52

In quel tempo, mentre Gesù partiva da Gèrico insieme ai suoi discepoli e a molta folla, il figlio di Timèo, Bartimèo, che era cieco, sedeva lungo la strada a mendicare. Sentendo che era Gesù Nazareno, cominciò a gridare e a dire: «Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!».

Molti lo rimproveravano perché tacesse, ma egli gridava ancora più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!».

Gesù si fermò e disse: «Chiamatelo!». Chiamarono il cieco, dicendogli: «Coraggio! Àlzati, ti chiama!». Egli, gettato via il suo mantello, balzò in piedi e venne da Gesù.

Allora Gesù gli disse: «Che cosa vuoi che io faccia per te?». E il cieco gli rispose: «Rabbunì, che io veda di nuovo!». E Gesù gli disse: «Va', la tua fede ti ha salvato». E subito vide di nuovo e lo seguiva lungo la strada.

Bartimèo mi è sempre stato simpatico, forse perché è la figura diametralmente opposta a quella dell’uomo ricco che prima s’inginocchia davanti a Gesù con il suo curriculum vitae di tutto rispetto, desideroso di avere in eredità la vita eterna, pieno di entusiasmo e poi, stringi stringi, invitato a lasciare tutto per seguire Gesù, gira i tacchi e se ne va, triste. Bartimèo, invece, che è l’emblema di ogni possibile svantaggio, rispetto all’altro che nei pronostici sarebbe stato certamente il favorito, rimonta alla grande, anzi si assicura la tappa con uno scatto formidabile. E del tour diventa un campione.


Seguiamoli nei loro movimenti. Entrambi incontrano Gesù mentre esce per rimettersi in cammino ed entrambi lo bloccano, il ricco per chiedere cosa deve fare e il povero perché non sa più che fare.

Quando però Gesù apre bocca, i due hanno reazioni diverse. Il ricco via via s’incupisce, s’accartoccia. Lui deve difendere “la roba”.

Bartimèo, al contrario, s’illumina dentro, allarga le braccia e getta via quel poco di “roba” che ha – un mantello, tutta la sua sicurezza – e, benché sia ancora cieco, agisce già da 'miracolato': balza in piedi e va da Gesù. E cosa ancor più grande, ad occhi finalmente aperti, lo segue lungo la strada, quasi a rimpiazzare il “no” dell’anonimo ricco.


E sottolineo “anonimo”, perché non ti farai mai un nome solo a partire dai beni che possiedi, dalla faccia d’angelo che credi di avere, con l’aria da ragazzo per bene, figlio di buona famiglia: la dignità non si compra a buon mercato e l’unica ricchezza che ti aiuta a guadagnare la stima degli altri è quella che sai condividere in gratuità e da cui, se Gesù te lo chiede, ti sai anche distaccare, per seguirlo ovunque egli vada.


Ora vi chiedo: voi in quale di queste due storie ritrovate la vostra? Siete pronti a balzare in piedi e a seguire Gesù o, con la morte nel cuore, avete già sepolto ogni entusiasmo, serrati nella cassaforte di una vita tutta concentrata sui beni che avete?


Ma mentre pongo a voi queste domande, già temo di essere un po’ anonima anch’io. Ed è bene che anch’io abbia il coraggio di gettare il mantello.

Ce la farò? Bartimèo, amico mio, subito pronto a spogliarti di tutto, ora sei tu che dici a me: «Coraggio! Àlzati, ti chiama!».


Buona domenica!

179 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

LA PAROLA DEL GIORNO

leggi | ascolta | rifletti | prega

icona-whatsapp-300x300.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nel gruppo "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link. Nota: per rendere più agevole e discreto il servizio, non è prevista la possibilità di chattare con i membri del gruppo. Iscriviti solo se sei davvero interessato/a al commento della Parola.

Il tuo modulo è stato inviato!