strisciablog.jpg

Per guardare la vita dall'alto

e vedere il mondo con gli occhi di Dio

COMMENTO AL VANGELO DEL GIORNO

leggi | rifletti | prega | agisci

VUOI RICEVERE IL COMMENTO ALLA PAROLA DEL GIORNO SU WHATSAPP?

icona-whatsapp-300x300.png
civetta_edited.png
Se vuoi ricevere il post quotidiano della Parola del giorno su WhatsApp, compila questo modulo. Ti inseriremo nella bacheca "La Parola del giorno" da cui potrai scaricare il link.

Il tuo modulo è stato inviato!

Cerca
  • Comunità dell'Eremo

“È solo un arrivederci”


Dal Vangelo secondo Giovanni

Gv 6,37-40


In quel tempo, Gesù disse alla folla: «Tutto ciò che il Padre mi dà, verrà a me: colui che viene a me, io non lo caccerò fuori, perché sono disceso dal cielo non per fare la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato. E questa è la volontà di colui che mi ha mandato: che io non perda nulla di quanto egli mi ha dato, ma che lo risusciti nell'ultimo giorno. Questa infatti è la volontà del Padre mio: che chiunque vede il Figlio e crede in lui abbia la vita eterna; e io lo risusciterò nell'ultimo giorno».

 

Dinanzi alla morte siamo tutti vulnerabili. E ogni anno il 2 novembre ce lo ricorda, non per deprimerci o per farci versare una lacrima in più nell’otre del cuore, avendo già tutti consegnato alla terra, nella morte, qualcuno a noi caro. La morte è un incontro, il più importante di tutta la vita: “è il Signore che viene a trovarci”, dice Papa Francesco. Puoi capirlo però solo se a questo incontro ti prepari ogni giorno, altrimenti è come una scure posta alla radice di ogni tuo affetto.


Vi confesso che quando penso che prima o poi dovrò dire addio alle persone che amo, mi sento stringere il cuore, mi smarrisco solo al pensiero di questo distacco. Guardo il calendario e non trovo giorno che possa trovarmi pronta ad affrontare questo dolore.


Tuttavia, come viandante che va incontro alla luce, tengo in serbo una grande speranza: ciò che può sembrare solo la fine è, al contrario, appena l’inizio. E tu, passando attraverso la porta che è Cristo, entri nella vita rivestita di luce, per sempre, e finalmente sei a casa, lì dove a scaldarti è l’amore, in una pienezza di gioia che sulla terra e nel tempo hai potuto solo incrociare, per poco, e solo in penombra.


Ripeto però: bisogna prepararsi ogni giorno, perché è facile smarrire i nostri riferimenti di fede se non custodiamo nel cuore questa Parola: “colui che viene a me, io non lo caccerò fuori… Questa infatti è la volontà del Padre mio: che chiunque vede il Figlio e crede in lui abbia la vita eterna”.


Venire a me, vedere e credere: ecco i tre movimenti che rinnovano la nostra speranza. Cominci con l’andare a Gesù, perseverando nel suo amore e via via vedi in lui il Figlio, inviato dal Padre per condurci ‘salvi’ oltre la soglia della Sua Casa. Tenendo fisso lo sguardo su Cristo, si giunge spediti alla meta e il credere si carica di motivazioni profonde che sostengono lungo il cammino. Purché tutto sia irrigato da una preghiera costante, che scioglie dubbi e fatiche senza alienarci dalla concretezza di ciò che viviamo. Così facendo, tra l’andare, il vedere e il credere, potremo dire a noi stessi, con gioia e nella pace: la morte non può farmi paura!


Ai nostri cari che già hanno superato la soglia, oggi, dinanzi alla loro tomba diremo semplicemente: arrivederci, a Dio!

299 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

"La mia pace"